Eventi

V CORSO GUCH – Vivere con una cardiopatia congenita

Sto caricando la mappa ....

Data/Ora: 10 Maggio 2019 - 11 Maggio 2019 / Tutto il giorno
Indirizzo: Corso Vittorio Emanuele II, 54 - 10123 Torino Italia
Sede: Torino - Starhotels Majestic


Nel mondo ci sono più adulti che bambini con una cardiopatia congenita. Il paziente adulto con cardiopatia congenita, chiamato GUCH, ha un’aspettativa di vita ormai simile a quella del paziente non congenito. Nei pazienti GUCH dobbiamo tipicamente affrontare i problemi medici posti dall’ evoluzione delle cardiopatie congenite, corrette e non, associati a problemi acquisiti e a problematiche psicologiche e sociali. Alcune complicanze gravi delle cardiopatie congenite, quali l’ipertensione polmonare, le aritmie complesse, la disfunzione ventricolare o la correzione non fisiologica delle stesse, quale la circolazione di Fontan, possono ora essere trattate e permettere una buona qualità di vita. Le nuove assistenze circolatorie, i nuovi sistemi di pacing, sono una realtà in questa popolazione che cresce. Questi pazienti vanno seguiti per sempre, perché anche la cardiopatia più semplice, in età adulta, si può aggravare. Il setting ideale per gestire questi pazienti è il centro GUCH, che pone problemi organizzativi specifici e nuovi.

Programma (PDF: 146 Kb)

Ultimi articoli

Punti di forza e di debolezza della CRT leadless

In occasione del XVI Congresso Nazionale dell'AIAC, Mauro Biffi fa il punto sulle potenzialità e sui limiti della terapia di resincronizzazione cardiaca mediante tecnologia leadless.

Leggi

Bioetica e device impiantabili. Un’area AIAC dedicata

La presentazione dell'Area di Bioetica di AIAC, nata con l'obiettivo di chiarire le tematiche - dal rapporto medico/paziente all'equità nell'accesso alle cure - relative ai problemi morali inerenti l’assistenza sanitaria, la ricerca biomedica e l’innovazione tecnologica in ambito sanitario.

Leggi

Nasce il progetto AIAC ACADEMY

L’AIAC ha avviato un progetto finalizzato alla formazione continua e al training dei giovani nelle metodiche interventistiche. Si richiede quindi ai centri aritmologici italiani la disponibilità ad accogliere giovani cardiologi per degli stage di perfezionamento.

Leggi