Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Eventi

Lotta alla Morte Cardiaca Improvvisa: un lavoro di equipe

Sto caricando la mappa ....

Data/Ora: 6 novembre 2017 / 14:00 - 20:00
Indirizzo: Via Ceccherini 21 - 33057 Mestre Veneto Italia
Sede: Novotel Venezia Mestre


La morte cardiaca improvvisa rappresenta a tutt’oggi una delle sfide più sentite in ambito cardiologico, per la mancanza di uno standard gestionale, paragonabile dal punto di vista qualitativo e quantitativo, a quello ottenuto negli altri campi della medicina cardiovascolare.
Il modo più razionale per affrontare il problema è quello di implementare un approccio integrato, a cavallo cioè tra la prevenzione e la cura: la lotta alla morte cardiaca improvvisa, infatti, presenta degli aspetti peculiari legati sia al territorio (strategia di popolazione), sia all’ospedale (strategia individuale).
Il presente workshop vuole riunire e far interagire tutte le forze che in questo campo si rendono quotidianamente protagoniste: da quelle interessate al trattamento precoce dell’arresto cardiaco sul territorio, a quelle impegnate nello screening preventivo, a quelle implicate nel successivo trattamento individuale. Inoltre, si cercherà di capire come e a quali costi il rapido sviluppo della tecnologia elettromedicale può aiutare nell’ambizioso obiettivo di contrastare il fenomeno della morte cardiaca improvvisa. Infine, si valuterà come ottimizzare le risorse attualmente disponibili, identificando eventuale debolezze del sistema sanitario, ma anche sottolineandone i punti di forza e i risultati raggiunti.

Programma (242 Kb)

Per maggiori informazioni: www.depratocongressi.it 

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi