Notizie e commenti

AIAC 2018, il passaggio di consegne tra i Presidenti

In occasione del XV Congresso dell’AIAC è stato presentato il nuovo Direttivo Nazionale dell’Associazione per il biennio 2018 – 2020. Abbiamo quindi chiesto al Presidente uscente Giuseppe Boriani di tirare le somme sui due anni passati alla guida dell’AIAC e al nuovo Presidente Renato Pietro Ricci di descriverci i suoi obiettivi per il prossimo futuro.

“Sono molto soddisfatto – ha commentato Boriani – perchè abbiamo portato avanti tutto quanto ci eravamo prefissati”. Dalla pubblicazione di lavori scientifici indipendenti su riviste di primo piano, sia nazionali che internazionali, al coinvolgimento dei giovani nelle varie iniziative proposte, il bilancio è sicuramente positivo. “Penso che il futuro dell’AIAC sia roseo perché abbiamo i giovani che lavorano, abbiamo tante idee e tante iniziative”, ha concluso il Past President.

“Attualmente AIAC è  universalmente riconosciuta come un’associazione affidabile, seria, che le istituzioni vedono come un punto di riferimento per la qualità della collaborazione e nella gestione delle varie iniziative”, ha aggiunto Ricci. Tra gli obiettivi enunciati dal nuovo Presidente, quello di portare avanti una linea di continuità con quanto fatto in passato, cercando di proporre nuove forme di coinvolgimento dei soci e delle sedi regionali. Infine, Ricci si propone di dare il via a un cambio generazionale, affidando molti incarichi a membri under 40 o under 50, con l’obiettivo di proiettare l’AIAC verso il futuro. “Chi meglio dei giovani può dare questo contributo? – si chiede il nuovo Presidente – Sarà mio compito valorizzarli insieme a tutte le energie sane, numerose all’interno dell’Associazione”.

Ultimi articoli

I primi passi del defibrillatore automatico impiantabile

Questo mese leggiamo insieme lo storico articolo di Michel Mirowski sulle prime esperienze con il defibrillatore automatico impiantabile, pubblicato nel 1985 su Journal of the American College of Cardiology. Un articolo di Achille Giardina.

Leggi

Fibrillazione atriale parosisstica, CRT e rischio di scompenso

I pazienti che presentano episodi intermittenti di fibrillazione atriale potrebbero beneficiare da una terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT)? Lo studio su JACC: Clinical Electrophysiology.

Leggi

Può il CHA2DS2-VASc score predire le aritmie atriali?

Lo score è in grado di predire l’insorgenza di fibrillazione atriale di nuova diagnosi in una coorte di pazienti portatori di dispositivi cardiaci impiantabili? Lo studio di Rovaris e colleghi pubblicato su Heart Rhyrthm.

Leggi