Notizie e commenti

Il bollettino 2016 del Registro Pacemaker e Defibrillatori

Il Registro Italiano Pacemaker e Defibrillatori dell’AIAC, istituito alla fine degli anni settanta, ha l’obiettivo di monitorare i principali aspetti epidemiologici e clinici legati all’utilizzo di queste tecnologie nel mondo reale. Inoltre, permette di raccogliere informazioni in merito alle caratteristiche tecniche e al funzionamento dei dispositivi, ad esempio per quanto riguarda la loro longevità. In occasione del XV Congresso AIAC, ne abbiamo parlato con Alessandro Proclemer, responsabile della Struttura Operativa Complessa di Cardiologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Udine e da molti anni direttore del Registro (dal 2014 in collaborazione con Massimo Zecchin).

“Negli ultimi anni – ha sottolineato Proclemer – abbiamo osservato un aumento significativo della durata delle batterie, sia dei pacemaker che dei defibrillatori”. Ciò è molto importante in quanto nella pratica clinica questo effetto si traduce in un maggior benessere per il paziente, che deve essere sottoposto a un numero inferiore di interventi chirurgici finalizzati alla sostituzione dei device, e in un risparmio per il Sistema Sanitario Nazionale. Inoltre , conclude Proclemer, i dati emersi sono in linea con quelli del Registro americano e suggeriscono che “la nostra classe medica segue alla lettera le raccomandazioni internazionali”.

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi