Notizie e commenti

L’aritmologia italiana a Bologna per il XV Congresso dell’AIAC

“È stato un grande successo”. Con queste parole il Presidente AIAC uscente Giuseppe Boriani ha commentato il XV Congresso nazionale dell’Associazione, tenutosi a Bologna il 12 e 13 aprile. Questo nonostante una maggiore complessità nell’organizzazione dell’evento rispetto alle edizioni precedenti, dovuta – come ha sottolineato il nuovo Presidente Renato Pietro Ricci – all’introduzione “di alcune normative che hanno reso più difficile la gestione delle partecipazioni al Congresso”.

Lo sforzo congiunto del Consiglio Direttivo Nazionale, in collaborazione con gli altri organi dell’Associazione e con le aziende farmaceutiche e biomedicali, ha però permesso di ottenere lo stesso risultati molto importanti. Sia in termini di partecipazione, con più di 800 partecipanti (con una crescita del 10% circa rispetto all’edizione 2017), che di quantità e qualità delle relazioni. In totale, sono stati 245 i relatori che hanno presentato i loro lavori al Congresso, molti dei quali giovani emergenti. Inoltre, si sono tenute 13 comunicazioni scelte e 43 orali e quasi 90 presentazioni multimediali tra e-poster e web  sharing. Non sono mancati, infine, i contributi delle aziende, con 20 espositori presenti e 13 simposi sponsorizzati.

“La partecipazione – ha sottolineato il Presidente Ricci – è stata molto vivace e tutte le aule molto frequentate”.  Anche per quanto riguarda le sessioni destinate al personale tecnico e infermieristico, poi, i risultati sono stati superiori alle aspettative, con discussioni attente su tematiche “di grande interesse” e relazioni “di assoluta eccellenza”. In ultimo, a conferma del lavoro svolto in questo senso nell’ultimo biennio, è stata molto apprezzata la sessione dedicata all’iniziativa “AIAC con NOI”, dove le associazioni dei pazienti hanno potuto presentare le loro istanze a supporto delle terapie efficaci. “Si tratta – ha commentato Boriani – di una cosa unica per un’associazione scientifica”.

L’abstract book
La photogallery

Ultimi articoli

I primi passi del defibrillatore automatico impiantabile

Questo mese leggiamo insieme lo storico articolo di Michel Mirowski sulle prime esperienze con il defibrillatore automatico impiantabile, pubblicato nel 1985 su Journal of the American College of Cardiology. Un articolo di Achille Giardina.

Leggi

Fibrillazione atriale parosisstica, CRT e rischio di scompenso

I pazienti che presentano episodi intermittenti di fibrillazione atriale potrebbero beneficiare da una terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT)? Lo studio su JACC: Clinical Electrophysiology.

Leggi

Può il CHA2DS2-VASc score predire le aritmie atriali?

Lo score è in grado di predire l’insorgenza di fibrillazione atriale di nuova diagnosi in una coorte di pazienti portatori di dispositivi cardiaci impiantabili? Lo studio di Rovaris e colleghi pubblicato su Heart Rhyrthm.

Leggi