Notizie e commenti

Ablazioni transcatetere, lesioni più brevi e con potenza maggiore?

Dalla letteratura

Il successo di una procedura di isolamento delle vene polmonari dipende dalla realizzazione di lesioni transmurali, continue e permanenti.  Nella pratica clinica, si cerca di ottenere questo risultato attraverso ablazioni a radiofrequenza di moderata potenza (da 20 a 40 W), durata prolungata (da 20 a 40 secondi) e forza di contatto compresa tra i 10 e i 20 g. Tuttavia, alcuni ricercatori hanno ipotizzato che un diverso rapporto tra le fasi resistiva e conduttiva della procedura potrebbe permettere di ottenere lezioni più stabili e durature. Per questo motivo, un gruppo di ricerca dell’Harvard Medical School di Boston ha realizzato uno studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista JACC: Clinical Electrophysiology, dove sono state valutate – su modelli animali – l’efficacia e la sicurezza associate a procedure di ablazione in radiofrequenza caratterizzate da potenza elevata e durata ridotta (HP-SD).

Lo studio

La ricerca ha coinvolto 20 suini, i quali sono stati sottoposti a procedure di ablazione in radiofrequenza realizzate con un catetere dotato di termocoppia per il controllo della temperatura  a livello dell’interfaccia catetere-tessuto. Il disegno sperimentale ha previsto tre diverse fasi: nella fase 1 sono state messi a confronto 3 diversi rapporti di HP-SD (90 W/4s, 90 W/6s e 70W/8s) su un preparato muscolare; nella fase 2, invece, sono state realizzate 174 ablazioni singole in vivo con rapporto 90W/4s, 3 (1,7%) delle quali hanno prodotto un surriscaldamento del tessuto (tutte verificatesi a temperature dell’interfaccia catetere-tessuto ≥ 85°C), e ulteriori 233 applicazioni singole con temperatura limite pari a 65°, che invece non hanno causato casi di surriscaldamento del tessuto; nella fase 3, infine, si è valutata la presenza di intervalli e la transmuralità delle lesioni in linee di ablazione atriale e isolamento delle vene polmonari in radiofrequenza HP-SD (90W/4s, T≤65°C) e standard (25W/20s). Le ablazioni in radiofrequenza HP-SD hanno prodotto il 100% di linee contigue e transmurali, mentre le ablazioni standard hanno messo in evidenza intervalli di linea nel 25% dei casi e lesioni parziali – in termini di spessore – nel 29% dei casi. Inoltre, le ablazioni in radiofrequenza HP-SD hanno prodotto lesioni più ampie (6,02 ± 0,2 mm vs. 4,43 ± 1,0 mm; p = 0.003) con profondità simili (3,58 ± 0,3 mm vs. 3,53 ± 0,6 mm) e una migliore uniformità tra le lesioni, con risultati comparabili in termini di sicurezza.

Conclusioni

In un modello pre-clinico, le ablazioni caratterizzate da un rapporto HP-SD (90W/4s, T≤65°C) permettono di ottenere lesioni più uniformi e caratterizzate da una migliore contiguità e transmuralità, con un profilo di sicurezza comparabile alle ablazioni standard.

Fonte

Leshem E, Zilberman I, Tschabrunn CM, et al. High-power and short-duration ablation for Pulmonary Vein Isolation. JACC: Clinical Electrophysiology 2018; https://doi.org/10.1016/j.jacep.2017.11.018.

Ultimi articoli

I primi passi del defibrillatore automatico impiantabile

Questo mese leggiamo insieme lo storico articolo di Michel Mirowski sulle prime esperienze con il defibrillatore automatico impiantabile, pubblicato nel 1985 su Journal of the American College of Cardiology. Un articolo di Achille Giardina.

Leggi

Fibrillazione atriale parosisstica, CRT e rischio di scompenso

I pazienti che presentano episodi intermittenti di fibrillazione atriale potrebbero beneficiare da una terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT)? Lo studio su JACC: Clinical Electrophysiology.

Leggi

Può il CHA2DS2-VASc score predire le aritmie atriali?

Lo score è in grado di predire l’insorgenza di fibrillazione atriale di nuova diagnosi in una coorte di pazienti portatori di dispositivi cardiaci impiantabili? Lo studio di Rovaris e colleghi pubblicato su Heart Rhyrthm.

Leggi