Notizie e commenti

A Bologna, all’XI Congresso AIAC

Come tradizione vuole il Congresso AIAC di Bologna ha ben rappresentato la fervida attività culturale di una società scientifica impegnata attivamente nell’education e aggiornamento e nella promozione dei giovani cardiologi. Ci sono stati molti più iscritti dall’anno precedente; 170 relatori coinvolti nei 28 simposi che si sono svolti nelle due giornate congressuali dedicate tanto a cardiologi e aritmologi quanto a infermieri e tecnici. Da ricordare la lettura magistrale del professor Luigi Tavazzi sullo scompenso cardiaco che è stato il leitmotiv di questa edizione del congresso e le numerose presentazioni di livello eccelso. L’innovazione tecnologica è stata molto seguita. “Sono state sessioni in cui tutti hanno potuto imparare qualcosa”, commenta Luigi Padeletti che al Congresso ha passato il testimone della presidenza al suo successore Gianluca Botto.

14 marzo 2014

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi