Notizie e commenti

Aggiornamenti in Aritmologia per infermieri e tecnici

Durante il XIII Congresso Nazionale AIAC, tenutosi a Bologna, si è svolta la giornata di aggiornamento in Aritmologia per il personale infermieristico e tecnico: iniziata con l’interpretazione elettrocardiografica di base ed avanzata, proseguita con l’elettrostimolazione, e terminata con l’elettrofisiologia. Il tutto “condito” dal sapere di una Faculty, di infermieri e tecnici proveniente da realtà diverse, il cui obbiettivo è stato quello di favorire l’approfondimento di competenze specialistiche e la divulgazione di conoscenze tecniche, scientifiche ed assistenziali per il personale che lavora in ambito aritmologico.

Il fine dell’aumento di queste conoscenze è quello di adeguare la pratica clinica infermieristica e tecnica alle mutate esigenze dei tempi, verso un’assistenza sempre più centrata sulla persona ed i suoi bisogni, ma anche verso un miglioramento dell’appropriatezza e della qualità delle prestazioni, con un costante controllo sulla razionalità ed efficienza del servizio erogato.

L’infermiere, oggi, in Aritmologia non è solo chiamato a prestare nuove azioni di assistenza, vedi la gestione del controllo a distanza dei dispositivi impiantabili, ma è anche chiamato ad esercitare la propria attività ad un superiore livello di autonomia. Ciò rientra nello sviluppo professionale che l’infermiere ha iniziato, con una serie di disposizioni normative unitamente al proprio codice deontologico e alla sua Formazione, e che prosegue con l’aumento quantitativo delle proprie competenze aritmologiche e dell’arricchimento dei processi assistenziali infermieristici con i valori aggiunti dell’autonomia, responsabilità decisionale e professionale.

Interessante al riguardo, è stata la tavola rotonda, dove infermieri e tecnici si sono confrontati sulle loro esperienze nella gestione del monitoraggio remoto dei dispositivi impiantabili, sottolineando come un ottimale modello organizzativo si basi sulla definizione dei ruoli e delle responsabilità del personale coinvolto, in uno spazio e in un tempo/lavoro considerato a tutti gli effetti “istituzionale” dalle amministrazioni sanitarie. Viene evidenziato il ruolo primario di infermieri esperti e certificati nel garantire la continuità di cura e il processo gestionale come indicato nel modello del primary nursing.

Gli argomenti trattati durante la giornata congressuale hanno fornito nozioni propedeutiche all’esame di Competence in Aritmologia sostenuto dall’EHRA, offrendo ai discenti la possibilità di interagire nella presentazione di tracciati relativi a problematiche e/o malfunzionamenti dei dispositivi cardiaci impiantabili.

Avere più competenze in Aritmologia significa avere come obbiettivo principale la garanzia della qualità dei servizi sanitari erogati centrati sulla professionalità delle risorse umane. È per questo che il Congresso AIAC, per gli infermieri e i tecnici di cardiologia, si impone come valido strumento per la formazione permanente continua; aiuta a formare personale sempre più competente e sempre più capace di affrontare le problematiche sanitarie delle persone che si affidano alla loro cura ed assistenza.

Greta Scaboro
Unità Operativa di Cardiologia, Ospedale dell’Angelo di Mestre
Task force sito web AIAC

Ultimi articoli

Iscriviti all’AIAC e partecipa al Congresso con il supporto dell’Associazione

Per i nuovi soci che presenteranno la domanda di iscrizione nel periodo compreso tra il novembre 2018 e il 28 febbraio 2019 l'Associazione sosterrà le spese di alloggio in hotel e l’iscrizione al XVI Congresso Nazionale AIAC.

Leggi

Formazione aritmologica del giovane cardiologo. La survey AIAC

Il sondaggio realizzato dall'Area Giovani per il Pacing di AIAC che ha l'obiettivo di indagare come vengono formati i giovani under 40 specializzandi e specialisti di cardiologia sulle tematiche aritmologiche.

Leggi

“Fibrillazione atriale genera fibrillazione atriale”

Per la rubrica "Pietre miliari", rileggiamo l'articolo, pubblicato nel 1995 sulla rivista Circulation, in cui Wijffels e colleghi dimostrarono per la prima volta la natura progressiva della fibrillazione atriale.

Leggi