Notizie e commenti

Area di Bioetica: obiettivi, finalità e attività in programma

I progressi scientifici e tecnologici degli ultimi anni fanno sì che in medicina capiti sempre più spesso di avere a che fare con problemi di natura etica. E, come sostiene Carlo Pignalberi – co-chairman insieme a Roberta Agostini della nuova Area di Bioetica di AIAC – “l’aritmologia non fa sicuramente eccezione”. Dal rapporto medico-paziente alle problematiche legate all’impiego di tecnologie specifiche, infatti, sono molti i temi di interesse aritmologico che hanno risvolti etici.

Da qui la volontà da parte del Direttivo dell’AIAC di far nascere l’Area di Bioetica, il cui obiettivo è da una parte quello di comprendere lo stato dell’arte e le opinioni degli operatori che si occupano di aritmologia e dall’altra quello di “riuscire a influire sulle loro scelte per raggiungere obiettivi etici“.

“In una prima fase cercheremo di fare un’indagine per capire quanto sono sensibili a questi argomenti – spiega Pignalberi -, dato che sta anche facendo capolino nelle ultime linee guida”. In secondo luogo, infine, l’Area di Bioetica avrà l’obiettivo di fornire suggerimenti e direttive relative agli aspetti bioetici della cura. “E quindi – conclude il cardiologo – produrre anche una serie di documenti che possano essere utili per gli operatori”.

Ultimi articoli

I primi passi del defibrillatore automatico impiantabile

Questo mese leggiamo insieme lo storico articolo di Michel Mirowski sulle prime esperienze con il defibrillatore automatico impiantabile, pubblicato nel 1985 su Journal of the American College of Cardiology. Un articolo di Achille Giardina.

Leggi

Fibrillazione atriale parosisstica, CRT e rischio di scompenso

I pazienti che presentano episodi intermittenti di fibrillazione atriale potrebbero beneficiare da una terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT)? Lo studio su JACC: Clinical Electrophysiology.

Leggi

Può il CHA2DS2-VASc score predire le aritmie atriali?

Lo score è in grado di predire l’insorgenza di fibrillazione atriale di nuova diagnosi in una coorte di pazienti portatori di dispositivi cardiaci impiantabili? Lo studio di Rovaris e colleghi pubblicato su Heart Rhyrthm.

Leggi