Notizie e commenti

I dati dal registro IMPACT sulle complicanze legate ai CIED

“Un’iniziativa AIAC che origina da quella che era la vecchia area AIAC Giovani per il Pacing e si propone come scopo principale quello di valutare le complicanze legate all’impianto di qualsiasi tipo di device”. Dei risultati del registro IMPACT, che ha reclutato i pazienti di sei centri ad alto volume, ci ha parlato, in occasione del Meeting 2018 dell’European Society of Cardiology, Federico Guerra della Clinica di Cardiologia e Aritmologia degli Ospedali Riuniti di Ancona.

Gli elementi di novità del registro sono costituiti dalla lunghezza del prima fase di follow-up (di circa 5 anni) e dalla volontà di prendere in considerazione tutte le complicanze associate alla gestione dei dispositivi, anche quelle definite come minori o meno importanti.

“Il primo dato che emerge è che le complicanze date dall’impianto di un dispositivo impattano sulla mortalità cardiovascolare e non sulla mortalità per tutte le cause”, spiega Guerra. “Se però andiamo a dividere tra le complicanze cosiddette precoci (quelle entro 30 giorni dall’impianto) e quelle tardive, le complicanze precoci sono in grado di predire sia la mortalità cardiovascolare che quella per tutte e cause“.

Di seguito, una presentazione riassuntiva delle caratteristiche e dei risultati del registro IMPACT:

 

Ultimi articoli

Punti di forza e di debolezza della CRT leadless

In occasione del XVI Congresso Nazionale dell'AIAC, Mauro Biffi fa il punto sulle potenzialità e sui limiti della terapia di resincronizzazione cardiaca mediante tecnologia leadless.

Leggi

Bioetica e device impiantabili. Un’area AIAC dedicata

La presentazione dell'Area di Bioetica di AIAC, nata con l'obiettivo di chiarire le tematiche - dal rapporto medico/paziente all'equità nell'accesso alle cure - relative ai problemi morali inerenti l’assistenza sanitaria, la ricerca biomedica e l’innovazione tecnologica in ambito sanitario.

Leggi

Nasce il progetto AIAC ACADEMY

L’AIAC ha avviato un progetto finalizzato alla formazione continua e al training dei giovani nelle metodiche interventistiche. Si richiede quindi ai centri aritmologici italiani la disponibilità ad accogliere giovani cardiologi per degli stage di perfezionamento.

Leggi