Notizie e commenti

Elettrostimolazione ed elettrofisiologia, le nuove tecnologie

“La tecnologia nel nostro ambiente, nel nostro settore, sta facendo passi da gigante”. Dall’elettrostimolazione all’elettrofisiologia, sono numerose le innovazioni tecnologiche che stanno avendo – o che promettono di avere – un grande impatto sulla pratica clinica. Ne abbiamo parlato, in occasione della 18esima edizione dell’International Symposium on Progress in Clinical Pacing, con l’organizzatore Luca Santini, cardiologo presso l’Ospedale G.B. Grassi di Ostia e Presidente di AIAC Lazio.

“Per quanto riguarda l’elettrostimolazione ci sono ormai due protagonisti indiscussi: il defibrillatore sottocutaneo e la tecnologia leadless per il pacing“, spiega Santini. La tendenza, infatti, è sempre più quella di ridurre il più possibile la presenza di hardware all’interno della struttura cardiaca, così da ridurre al minimo la possibilità di complicanze.

“Un altro grande protagonista è sicuramente il looprecorder“, continua. “È incredibile il numero di dispositivi che stiamo impiantando rispetto al recente passato”. Un effetto legato al progressivo ampliamento delle indicazioni per l’utilizzo di questa tecnologia, con studi che ne supportano l’utilizzo persino in prevenzione primaria.

Ultimi articoli

Bioetica e device impiantabili. Un’area AIAC dedicata

La presentazione dell'Area di Bioetica di AIAC, nata con l'obiettivo di chiarire le tematiche - dal rapporto medico/paziente all'equità nell'accesso alle cure - relative ai problemi morali inerenti l’assistenza sanitaria, la ricerca biomedica e l’innovazione tecnologica in ambito sanitario.

Leggi

Nasce il progetto AIAC ACADEMY

L’AIAC ha avviato un progetto finalizzato alla formazione continua e al training dei giovani nelle metodiche interventistiche. Si richiede quindi ai centri aritmologici italiani la disponibilità ad accogliere giovani cardiologi per degli stage di perfezionamento.

Leggi

Sistema nervoso simpatico e ARVC: quando al cuor….si comanda.

Il sistema nervoso simpatico cardiaco è coinvolto nella patogenesi della cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro. Un elemento che suggerisce un potenziale ruolo della neuro-modulazione in ambito terapeutico.

Leggi