Notizie e commenti

I 15 anni dell’AIAC

Quindici anni di storia della Associazione presentati in un libro illustrato e arricchito dalle voci di tanti protagonisti: da Sergio Sermasi a Salvatore Mangiameli, da Antonio Raviele a Massimo Santini, da Michele Gulizia a Michele Brignole. Fortemente voluto dalla Presidente Maria Grazia Bongiorni, il libro è stato presentato in occasione della cerimonia di apertura del IX Congresso nazionale AIAC: nessuna sponsorizzazione, grazie alla determinazione della Presidente uscente e del primo Presidente che, nel 1998, raccolse i due testimoni dai direttivi del GIA e della AIC.

Ricerca, comunicazione, organizzazione: tre parole chiave che caratterizzano la storia della società. Ma anche condivisione, formazione e integrazione in una prospettiva europea che, ha sottolineato Angelo Auricchio, presidente della European Heart Rhythm Association, è stato un punto qualificante degli ultimi anni dell’AIAC.

Si entra in Europa, ha ricordato Maria Grazia Bongiorni, anche dotando la disciplina di percorsi di accreditamento professionale basati su standard internazionali: per questa ragione, proprio al congresso di Pisa sono stati eseguiti i primi esami di Competence infermieristica e medica di certificazione professionale individuale. Ma ci si può rapportare tra pari con i colleghi di altri Paesi soprattutto partecipando a progetti di ricerca multicentrica e incentivando i giovani cardiologi a scegliere una disciplina difficile ma affascinante come la aritmologia e cardiostimolazione.

Il libro è stato presentato anche attraverso un breve video nel quale prendono la parola i principali protagonisti del racconto e la segretaria “storica” dell’AIAC, Laura De La Pierre.

Ultimi articoli

Stimolazione “closed loop” per il trattamento della sincope cardioinibitoria

Un gruppo di ricerca italiano ha messo a confronto gli effetti di una stimolazione CLS  e di una DDD, in termini di variazioni emodinamiche e di occorrenza della sincope indotta tramite tilt test, su un campione di pazienti affetti da sincope vasovagale cardioinibitoria.

Leggi

Sincope neuromediata e impianto di pacemaker

Una meta-analisi pubblicata su Europace ha valutato il beneficio dell’impianto del pacemaker in pazienti con sincope neuromediata e asistolia documentata mediante loop recorder.

Leggi

L’utilizzo dei loop recorder impiantabili nella pratica clinica

Sul Journal of Arrhythmia una revisione relativa al ruolo del looprecorder impiantabile nella pratica clinica, dall'utilizzo nell'ambito della perdita transitoria dello stato di coscienza fino all'impiego in contesti di ricerca.

Leggi