Notizie e commenti

La gestione dei pazienti portatori di dispositivi candidati a radioterapia

Un protocollo comune, sviluppato da AIAC in collaborazione con l’Associazione Italiana di Fisica Medica e l’Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica,  per la gestione dei pazienti portatori di dispositivi candidati a radioterapia. Ce ne ha parlato, in occasione del XV Congresso nazionale, Massimo Zecchin, responsabile del Servizio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione degli Ospedali Riuniti di Trieste.

“Il fattore principale del nostro protocollo prevede la stretta collaborazione e il lavoro in equipe tra le figure del cardiologo, dell’elettrofisiologo, del radioterapista e del fisico medico“, ha spiegato Zecchin. A partire dall’identificazione e stratificazione dei rischi per arrivare fino alle procedure di monitoraggio, infatti, il protocollo  offre una serie di indicazioni utili a una corretta gestione di questi pazienti in tutte le fasi del percorso terapeutico.

“Più che un punto d’arrivo, questo protocollo vuole essere un punto di partenza”, ha aggiunto il cardiologo triestino. Sono previste infatti diverse attività collegate, tra cui una survey sul sito dell’AIAC per valutare interesse e necessità dei colleghi in quest’ambito e l’istituzione di un registro nazionale.

Ultimi articoli

Protetto: Quanto costano (davvero) le estrazioni degli elettrocateteri transvenosi?

Non è disponibile alcun riassunto in quanto si tratta di un articolo protetto.

Leggi

Energia atomica per il cuore

La progettazione e l’impiego clinico di pacemaker con pile atomiche è stato un tassello importante dell’evoluzione tecnologica che ha portato allo sviluppo delle batterie contenute nei moderni device. Ripercorriamo insieme la storia dei pacemaker atomici.

Leggi

Storm aritmico: ACEi/ARB, statine o amiodarone?

Uno studio pubblicato su Pharmacology ha valutato l’impatto prognostico dei diversi approcci farmacologici disponili per il trattamento dei pazienti con storm aritmico.

Leggi