Notizie e commenti

L’alimentazione è la terapia cardiologica del futuro?

Intervista a Leonardo Calò, direttore dell’UO di Cardiologia dell’Ospedale Policlinico Casilino di Roma.

Molto spesso, in ambito cardiologico, si tende a non considerare l’importanza dell’alimentazione. “Ognuno si inventa la sua dieta – sottolinea Leonardo Calò – , quando anche su questo tema c’è bisogno di approfondimenti”. Uno studio che secondo il direttore dell’UO di Cardiologia dell’Ospedale Policlinico Casilino non può prescindere da un approccio metodologico rigoroso.

In questo senso, ad esempio, una nuova branca della cardiologia e delle scienze della nutrizione si occuperà dello studio dell’influenza dell’alimentazione sulla genetica. “Potremo misurare, con un metodo scientifico, come ciò che mangiamo condiziona la nostra vita”.

Infine, Calò ha descritto degli alimenti, i cosiddetti superfood, particolarmente indicati per la protezione della salute cardiovascolare. “Alcuni sono sotto i nostri occhi tutti i giorni – dice il cardiologo – tuttavia bisogna determinare in che modo questi cibi determinano benefici per la nostra salute.

Ultimi articoli

Presentati a EHRA 2019 i risultati dello studio CABANA

Il recente congresso European Heart Rhythm Association, tenutosi a Lisbona dal 17 al 19 marzo, ha visto come punta di diamante la presentazione dei risultati dello studio CABANA sul confronto tra ablazione transcatetere e terapia farmacologica nel trattamento della fibrillazione atriale.

Leggi

AIAC presenta alla stampa il Congresso Nazionale 2019

Il 9 aprile 2019 si è tenuta a Milano presso il Palazzo Giustiniani la conferenza stampa di presentazione del 16° Congresso Nazionale AIAC che si terrà a Bologna dall’11 al 12 aprile.

Leggi

Fibrillazione atriale, un sistema bioelettrico per il ripristino del ritmo sinusale

Testato su modelli animali un sistema ibrido in grado di identificare gli eventi aritmici attraverso un sistema di monitoraggio e di ripristinare il ritmo sinusale mediante la stimolazione optogenetica di cellule geneticamente modificate.

Leggi