Notizie e commenti

Mappaggio cardiaco tridimensionale in tempo reale

Interviste a Vincenzo Schillaci, Federico Ferraris, Daniela Dugo e Graziana Viola.

Per poter realizzare ablazioni stabili e precise è fondamentale ottenere un’immagine accurata delle strutture cardiache, così da poter individuare precisamente i punti dove somministrare la radiofrequenza.

Il Carto3 V6 (BioSense Webster, Inc.) è un sistema di imaging avanzato che utilizza una tecnologia elettromagnetica per creare mappe cardiache tridimensionali in tempo reale. Esso permette all’operatore di navigare l’interno del cuore nel momento stesso in cui il sistema genera delle immagini accurate delle strutture cardiache e del posizionamento del catetere. Inoltre nella versione V6 è presente il software ripple mapping, il quale permette di mappare le tachicardie complesse in maniera dinamica, a prescindere dal ciclo della tachicardia (1). Abbiamo chiesto a quattro giovani elettrofisiologi di darci un loro parere su questa tecnologia.

 

Biosense Webster: Nuove tecnologie, Nuove certezze

 

Bibliografia

1. Linton NWF, Koa-Wing M, Francis DP, et al. Cardiac ripple mapping: A novel three-dimensional visualization method for use with electroanatomic mapping of cardiac arrhythmias. Heart Rhythm 2009; 6: 1754 – 1762.


Con il supporto non condizionato di

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi