Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Predire lo scompenso con HeartLogic. Lo studio MultiSENSE

All’AHA 2016 lo studio MultiSENSE (Multisensor ChronicEvaluation in Ambulatory Heart Failure Patients) è stato presentato come una novità assoluta nel campo della diagnosi precoce dello scompenso cardiaco. MultiSENSE ha testato la capacità predittiva di un sistema avanzato multisensore di alert – HeartLogic – applicato a defibrillatori cardiaci impiantabili. Attraverso dei sensori il sistema raccoglie le misurazioni di cinque parametri fisiologici: il terzo tono cardiaco, l’impedenza toracica, la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria e l’attività fisica del paziente. La misura composita dei parametri fisiologici garantisce una migliore stratificazione del rischio, una maggiore sensibilità diagnostica e una riduzione dei falsi positivi nel riconoscimento precoce di eventi di scompenso cardiaco.

Lo studio MultiSENSE, che ha arruolato 974 pazienti con impianto di CRT-D (età media 66 anni, 72% uomini), ha visto la partecipazione di due centri aritmologici italiani: quello dell’AOU Ospedali Riuniti di Ancona guidato Alessandro Capucci e quello dell’Ospedale S. Cuore di Negrar guidato da Giulio Molon. I risultati hanno confermato una forte capacità predittiva del sistema HeartLogic: con una sensibilità predittiva del 70 per cento e solo 1,47 falsi alert per paziente per anno, e con un tempo medio di diagnosi di 34 giorni prima dello scompenso cardiaco. Questo anticipo potrebbe potenzialmente permettere di monitorare la condizione del paziente e intervenire prontamente per prevenire ospedalizzazioni.

Intercettare eventi legati allo scompenso cardiaco, commenta in un’intervista video Alessandro Capucci, co-investigator dello studio, “permette di poter trattare i pazienti a domicilio evitando ricoveri frequenti che sono onerosi dal punto di vista costo-efficacia oltre che di scarsa qualità di vita per i pazienti”.

Alla luce dei risultati positivi di MultiSENSE – conclude Capucci – la speranza è che la tecnologia HeartLogic venga implementata nella pratica clinica al fine di usufruire delle potenzialità cliniche. Sono già in fase di avvio studi prospettici randomizzati per supportare e validare ulteriormente la validità dell’utilizzo di questo sistema diagnostico.

Bibliografia
Lo studio MultiSENSE. ClinicalTrials.gov

Boston Scientific Announces Positive Results Of HeartLogic™ Heart Failure Diagnostic Service.
Late-Breaking Trial Data Presented at AHA Scientific Sessions Demonstrate Success of Alert to Predict Worsening Heart Failure. News.bostonscientific.com 2016; 16 novembre.

Ultimi articoli

Longevità dei device, grande variabilità tra i diversi produttori

La longevità degli ICD rappresenta un fattore d’impatto preponderante sui costi della sanità e sugli esiti clinici. Uno studio pubblicato su Heart Rhythm mette in evidenza la necessità di standardizzare urgentemente le indicazioni di longevità stimata da parte dei produttori.

Leggi

AIAC Futuro 2019, strategie associative per il prossimo decennio: il video-report

Il video-report dell'evento pre-congressuale "AIAC Futuro 2019", dove 120 soci tra rappresentanti del Consiglio Direttivo Nazionale e dei Consigli Regionali, persone impegnate nelle aree e nelle task force e moltissimi giovani si sono incontrati per riflettere e discutere sul presente e il futuro dell’Associazione. 

Leggi

Videochat su Tg1 Online: Renato Pietro Ricci risponde alle domande sulla fibrillazione atriale

Mercoledi 15 maggio 2019 alle 14.10 il Presidente AIAC, Renato Pietro Ricci, parteciperà ad una videochat su Tg1 Online dove risponderà alle domande dei telespettatori sulla fibrillazione atriale.

Leggi