Notizie e commenti

Per una migliore cultura dei danni da radiazioni

Intervista a Maurizio Del Greco, chairman dell’Area Raggi Zero dell’AIAC.

Il XIV Congresso AIAC ha ospitato lo Stand Raggi Zero 2017 organizzato dall’Area Raggi Zero dell’AIAC insieme al CNR di Pisa. La partecipazione è stata buona: 84 partecipanti con 53 medici, 24 infermieri e 7 controlli.

Oltre alla visita per l’opacità del cristallino, sono stati compilati i questionari e forniti il campione biologico di saliva che permetteranno di indagare sui danni dell’esposizione continua ai raggi x per gli operatori sanitari che lavorano nei laboratori di elettrofisiologia.

“Pochi sanno che i cardiologi sono tra tutti i medici quelli più esposti alle radiazioni e il tutto è aggravato dal fatto che nel percorso formativo dei cardiologi manca un’adeguata cultura in campo radioprotezionistico”, commenta Maurizio Del Greco, chairman dell’Area Raggi Zero dell’AIAC. “Lo Stand Raggi Zero 2017 ha rappresentato quindi anche un’occasione per ragionare insieme su un fenomeno estremamente rilevante che impatta su pazienti ma anche, e forse più, sugli operatori. I dati raccolti allo Stand Raggi Zero 2017 ci permetteranno di ottenere ulteriori informazioni sull’esistenza oltre alle neoplasie di patologie connesse all’esposizione a radiazioni ionizzanti”.

Ultimi articoli

Bioetica e device impiantabili. Un’area AIAC dedicata

La presentazione dell'Area di Bioetica di AIAC, nata con l'obiettivo di chiarire le tematiche - dal rapporto medico/paziente all'equità nell'accesso alle cure - relative ai problemi morali inerenti l’assistenza sanitaria, la ricerca biomedica e l’innovazione tecnologica in ambito sanitario.

Leggi

Nasce il progetto AIAC ACADEMY

L’AIAC ha avviato un progetto finalizzato alla formazione continua e al training dei giovani nelle metodiche interventistiche. Si richiede quindi ai centri aritmologici italiani la disponibilità ad accogliere giovani cardiologi per degli stage di perfezionamento.

Leggi

Sistema nervoso simpatico e ARVC: quando al cuor….si comanda.

Il sistema nervoso simpatico cardiaco è coinvolto nella patogenesi della cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro. Un elemento che suggerisce un potenziale ruolo della neuro-modulazione in ambito terapeutico.

Leggi