Notizie e commenti

Per una migliore cultura dei danni da radiazioni

Intervista a Maurizio Del Greco, chairman dell’Area Raggi Zero dell’AIAC.

Il XIV Congresso AIAC ha ospitato lo Stand Raggi Zero 2017 organizzato dall’Area Raggi Zero dell’AIAC insieme al CNR di Pisa. La partecipazione è stata buona: 84 partecipanti con 53 medici, 24 infermieri e 7 controlli.

Oltre alla visita per l’opacità del cristallino, sono stati compilati i questionari e forniti il campione biologico di saliva che permetteranno di indagare sui danni dell’esposizione continua ai raggi x per gli operatori sanitari che lavorano nei laboratori di elettrofisiologia.

“Pochi sanno che i cardiologi sono tra tutti i medici quelli più esposti alle radiazioni e il tutto è aggravato dal fatto che nel percorso formativo dei cardiologi manca un’adeguata cultura in campo radioprotezionistico”, commenta Maurizio Del Greco, chairman dell’Area Raggi Zero dell’AIAC. “Lo Stand Raggi Zero 2017 ha rappresentato quindi anche un’occasione per ragionare insieme su un fenomeno estremamente rilevante che impatta su pazienti ma anche, e forse più, sugli operatori. I dati raccolti allo Stand Raggi Zero 2017 ci permetteranno di ottenere ulteriori informazioni sull’esistenza oltre alle neoplasie di patologie connesse all’esposizione a radiazioni ionizzanti”.

Ultimi articoli

Corso per infermieri e tecnici, online il nuovo modulo

Online il nuovo modulo del Corso per infermieri e tecnici di cardiologia. Argomento: gli algoritmi di stimolazione utilizzati più di frequente nella pratica clinica.

Leggi

Ablazione della FA, attività delle vene polmonari non predice gli outcome

Uno studio pubblicato su Heart Rhythm ha indagato la relazione tra attività delle vene polmonari e il tasso di successo delle procedure di ablazione transcatetere in pazienti affetti da fibrillazione atriale persistente.

Leggi

Per una programmazione…RESPONSIBLE!

L’impatto della stimolazione rate responsive sulla capacità di esercizio di pazienti con FA permanente sottoposti ad ablazione nel nodo AV e con una frequenza ventricolare non controllata nonostante terapia medica.

Leggi