Notizie e commenti

Per una migliore cultura dei danni da radiazioni

Intervista a Maurizio Del Greco, chairman dell’Area Raggi Zero dell’AIAC.

Il XIV Congresso AIAC ha ospitato lo Stand Raggi Zero 2017 organizzato dall’Area Raggi Zero dell’AIAC insieme al CNR di Pisa. La partecipazione è stata buona: 84 partecipanti con 53 medici, 24 infermieri e 7 controlli.

Oltre alla visita per l’opacità del cristallino, sono stati compilati i questionari e forniti il campione biologico di saliva che permetteranno di indagare sui danni dell’esposizione continua ai raggi x per gli operatori sanitari che lavorano nei laboratori di elettrofisiologia.

“Pochi sanno che i cardiologi sono tra tutti i medici quelli più esposti alle radiazioni e il tutto è aggravato dal fatto che nel percorso formativo dei cardiologi manca un’adeguata cultura in campo radioprotezionistico”, commenta Maurizio Del Greco, chairman dell’Area Raggi Zero dell’AIAC. “Lo Stand Raggi Zero 2017 ha rappresentato quindi anche un’occasione per ragionare insieme su un fenomeno estremamente rilevante che impatta su pazienti ma anche, e forse più, sugli operatori. I dati raccolti allo Stand Raggi Zero 2017 ci permetteranno di ottenere ulteriori informazioni sull’esistenza oltre alle neoplasie di patologie connesse all’esposizione a radiazioni ionizzanti”.

Ultimi articoli

Concessione del patrocinio AIAC, il nuovo regolamento

È ora disponibile il nuovo "Regolamento per la concessione del patrocinio AIAC", in cui è possibile trovare le informazioni riguardanti le modalità di richiesta, i criteri generali per la concessione e i relativi adempimenti.

Leggi

Consenso informato, necessario se il paziente conosce i rischi?

Secondo una sentenza della Cassazione, se un paziente conosce i rischi associati alla procedura medica a cui si sottopone non può fare richiesta di risarcimento in caso di omissione del consenso informato.

Leggi

AIAC 2018: le relazioni sono online

Per chi non fosse riuscito a essere presente al Congresso, o per chi volesse riascoltare qualche sessione, sono ora disponibili le registrazioni audio, sincronizzate con le presentazioni, di tutte le relazioni.

Leggi