Notizie e commenti

Tachicardie ventricolari e ablazione: la punta dell’iceberg

Intervista video a Roberto De Ponti, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese, Università degli Studi dell’Insubria, e Giuseppe Picciolo, AOU Policlinico G. Martino di Messina, Task force sito web dell’AIAC.

Le tachicardie ventricolari rappresentano un argomento di grande attualità al quale il XIII Congresso AIAC ha dedicato una sessione “Tecnica ed end-points dell´ablazione delle tachicardie ventricolari”. Come dimostrato in lettura l’ablazione rappresenta un’opzione terapeutica efficace nel ridurre le recidive aritmiche nei pazienti portatori di ICD e nel migliorare gli outcome in termini sia di qualità di vita sia di sopravvivenza.

Nella sessione del congresso si è entrati nel merito della biopsia miocardica, un’indagine ormai in disuso con il sopravvento della risonanza magnetica nucleare ma che può rivelarsi essenziale per capire la tipologia di cardiopatia sottostante. Si è poi discusso dell’approccio epicardio, dei late potentials e del valore dell’inducibilità post ablazione, dello studio del mismatch perfusione-innervazione per identificare potenziali substrati aritmici nei pazienti sottoposti ad ablazione di AV che apre nuovi scenari  non solo di tipo fisiopatologico ma anche di tipo di trattamento del paziente.

In sintesi, che cosa non dimenticare prima, durante e dopo la procedura di ablazione di tachicardia ventricolare?

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi