Notizie e commenti

Telecardiologia: presente o futuro?

Intervista a Maurizio Landolina, direttore della Struttura Complessa di Cardiologia dell’Ospedale Maggiore di Crema.

La telemedicina permette, attraverso lo scambio digitale di informazioni, di sostenere e ottimizzare il processo assistenziale a distanza. Ma quali sono le applicazioni più promettenti in ambito cardiologico? Queste rappresentano il presente o il futuro della pratica clinica? Lo abbiamo chiesto a Maurizio Landolina.

“La telecardiologia è sicuramente il presente dal punto di vista tecnologico”, ha spiegato Landolina. In un’ottica di organizzazione, invece, si percepisce ancora l’assenza di un modello che permetta di utilizzare in modo efficace l’enorme quantità di dati prodotti da queste tecnologie. In ambiti specifici tuttavia, spiega il cardiologo, la telecardiologia fa già parte della pratica clinica quotidiana, come ad esempio “nel caso del controllo a distanza dei dispositivi”.

Infine, interrogato sull’importanza della compliance del paziente, Landolina ha concluso sostenendo che questo “deve essere cosciente del fatto che la sua collaborazione è un punto fondamentale per una corretta gestione della telecardiologia”. Chi non ha una sufficiente compliance andrebbe quindi escluso da questo genere di protocolli. “Senza la collaborazione del paziente – conclude il cardiologo – la telemedicina non può funzionare”.

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi