Notizie e commenti

Un nuovo indice della qualità delle lesioni ablative

Interviste a Valerio De Sanctis, Vincenzo Schillaci, Luca Rossi, Daniela Dugo e Domenico Grieco.

La realizzazione di lesioni ablative stabili durante la procedura di isolamento delle vene polmonari per il trattamento della fibrillazione atriale parossistica è fondamentale ai fini di ridurre la probabilità di riconnessione e di ricomparsa dell’aritmia. L’introduzione del Force-Time Integral (FTI) ha permesso di migliorare l’efficacia della procedura, ma non ha risolto tutti i problemi associati. Infatti, poiché l’FTI non tiene in considerazione la potenza associata alle lesioni ablative, queste risultano spesso non durature: un terzo dei pazienti continua ad andare incontro a una riconnessione (1). Ora anche questo limite è stato superato grazie allo sviluppo di Ablation Index (BioSense Webster, Inc.): un marker della qualità della lesione ablativa che incorpora stabilità, tempo e potenza in una formula ponderata. Questo permette di avere riproducibilità, in quanto operatori differenti riportano risultati comparabili, standardizzazione, infatti il workflow ottimizzato permette l’isolamento delle vene secondo parametri oggettivi e semplificazione, perché tutti i parametri sono racchiusi in un unico valore, Ablation Index, che permette di ottenere un alto successo procedurale (92,3±1,3% di pazienti liberi da FA) (2). Abbiamo chiesto a cinque aritmologi di descrivere le loro percezioni in merito all’utilizzo di questo nuovo indice ablativo.

Biosense Webster: Nuove tecnologie, Nuove certezze

Bibliografia

  1. Das M, Loveday JJ, Winn GJ, et al. Ablation index, a novel marker of ablation lesion quality: prediction of pulmonary vein reconnection at repeat electrophysiology study and regional differences in target values. Europace 2017; 19: 775 – 783.
  2. Taghji P, El Haddad M, Phlips T, et al. Evaluation of a Strategy Aiming to Enclose the Pulmonary Veins With Contiguous and Optimized Radiofrequency Lesions in Paroxysmal Atrial Fibrillation:A Pilot Study. JACC: Clinical Electrophysiology 2017; DOI: 10.1016/j.jacep.2017.06.023.

 

Con il supporto non condizionato di
Biosense_Webster_Logo

Ultimi articoli

Energia atomica per il cuore

La progettazione e l’impiego clinico di pacemaker con pile atomiche è stato un tassello importante dell’evoluzione tecnologica che ha portato allo sviluppo delle batterie contenute nei moderni device. Ripercorriamo insieme la storia dei pacemaker atomici.

Leggi

Storm aritmico: ACEi/ARB, statine o amiodarone?

Uno studio pubblicato su Pharmacology ha valutato l’impatto prognostico dei diversi approcci farmacologici disponili per il trattamento dei pazienti con storm aritmico.

Leggi

Supporto cardiopolmonare nell’ablazione dello storm aritmico

Uno studio pubblicato sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology ha mostrato l’esperienza con il sistema di supporto ECMO nelle procedure di ablazione dello storm aritmico in una corte di pazienti ad alto rischio

Leggi