Notizie e commenti

A scuola di RIP&RID

In occasione del Congresso annuale dell’AIAC, il 13 e 14 marzo verranno organizzati due momenti formativi con lo scopo di fornire le competenze necessarie ad una agile gestione del Registro Informatizzato Pacemaker e Defibrillatori (RIP&RID) e la creazione dei nuovi tesserini AIAC.

Iscrizioni

Le preiscrizioni potranno essere effettuate da lunedì 3 marzo dal sito dell’AIAC compilando online l’apposito modulo.
Per ciascuna sessione sono disponibili 20 posti. Ai partecipanti verranno fornite le slide del corso e procedure operative.

Il corso

Il corso si prefigge di fornire in primo luogo i concetti e gli elementi di base per la gestione autonoma dei Centri e degli Utenti da parte del responsabile del centro. Contestualmente vengono date le istruzioni operative su come procedere per l’inserimento dei pazienti e la stampa del cartellino.

Nei due eventi formativi, di due ore ciascuna, verranno viste le seguenti funzionalità:

  • iter per la creazione di un nuovo Centro e rilascio credenziali di accesso ad utente amministratore
  • modifica anagrafica Centro
  • modifica dati utenti
  • creazione, disattivazione nuovo utente
  • sostituzione utente amministratore
  • cambio password utenti
  • creazione nuovo paziente ed inserimento anagrafica
  • inserimento dati DM impiantati
  • stampa cartellino
  • statistiche del Centro
  • nuovi sviluppi del Registro.

Brochure (PDF: 760 Kb)

Per maggiori informazioni
Barbara Bonifacio
Zeta Research srl
tel. +39 040 358980
e-mail: barbarabonifacio@zetaresearch.com

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi