Notizie e commenti

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

AIAC insieme a Federanziani per il riconoscimento precoce della fibrillazione atriale e la prevenzione dell’ictus

Dal Think Tank Punto Insieme Sanità (8-9 maggio 2018) il vademecum per capire come prevenire e diagnosticare tempestivamente tale patologia.

Fibrillazione atriale: da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione over 60

Far conoscere la fibrillazione atriale, i fattori di rischio, i percorsi per arrivare a una diagnosi tempestiva e a una cura più efficace. Questo l’obiettivo del Manifesto per la Prevenzione in ambito Cardiocircolatorio elaborato da Senior Italia FederAnziani e AIAC – Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione all’interno del think tank Punto Insieme Sanità.

Il Manifesto, elaborato con la collaborazione di esponenti di FIMMG e Federfarma, contiene indicazioni per consentire al cittadino/paziente over 60 di prendersi cura al meglio della salute del proprio cuore e al tempo stesso offre agli operatori della sanità e alle istituzioni alcune indicazioni strategiche per tutelare la salute della popolazione in questo ambito.

MANIFESTO PER LA PREVENZIONE – CARDIOCIRCOLATORIO

Screening della fibrillazione atriale (FA)
Premesse

  • La prevalenza della FA nella popolazione generale è circa il 2%;
  • La prevalenza della FA è circa 7.6% nella popolazione >65aa (probabilmente sottostimato);
  • La FA è spesso asintomatica;
  • LA FA asintomatica è associata ad una prognosi peggiore, a parità di fattori di rischio CV;
  • La FA aumenta il rischio di demenza anche nei pazienti senza storia di stroke.

Lo stroke nei pazienti con FA è più severo

  • 20% di tutti gli stroke sono attribuibili alla FA;
  • Stroke nei pazienti con FA vs Non-FA: Mortalità più elevata (+70%);
  • Ricoveri ospedalieri più prolungati (+25%);
  • Percentuale di dimissione più bassa (-40%);
  • Funzione neurologica più compromessa: peggiore qualità di vita;
  • Maggiori costi per il sistema sanitario.

Superamento delle barriere

  • Avviare programmi di screening opportunistico di facile utilizzo (p.e. smarthphone) per avviare un eventuale programma terapeutico di prevenzione;
  • Facilitare l’accesso agli Anticoagulanti Orali Diretti;
  • Promuovere l’utilizzo di nuovi strumenti diagnostici (Holter prolungato, Loop Recorder Impiantabili);
  • Riconoscere la rimborsabilità del monitoraggio remoto del paziente con dispositivo impiantabile.

Suggerimenti operativi

  • ECG (rhythm strip) a tutti i pazienti >65aa;
  • Definizione dei fattori di rischio clinici secondo linee guida (età >75aa, Diabete Mellito, Ipertensione Arteriosa, Scompenso Cardiaco, Vasculopatia aterosclerotica,…);
  • Identificazione dei soggetti in cui lo screening mediante ECG prolungato può essere più utile per definire la strategia terapeutica.

Ultimi articoli

L’AIAC di domani. Uno sguardo al futuro dell’Associazione

In occasione del XVI Congresso Nazionale dell'Associazione, Gregory Dendramis - cardiologo dell'Ospedale Civile Pietro Cosma di Padova e membro dell'Area Giovani dell'AIAC - racconta quanto emerso dall'evento AIAC Futuro. 

Leggi

Storm aritmico e blocco percutaneo del ganglio stellato

Intervistato in occasione del XVI Congresso dell'AIAC, Enrico Baldi - cardiologo della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia - descrive il suo studio che gli è valso il Premio Giuseppe Maccabelli. 

Leggi

Verso una terapia di resincronizzazione con QRS “quasi-normale”

Intervistato in occasione del XVI Congresso nazionale dell'AIAC, Giovanni Coluccia - cardiologo dell'Ospedale del Tigullio di Lavagna (Genova) - descrive lo studio che gli è valso il premio "Le idee di Luigi Padeletti".

Leggi