Notizie e commenti

Edoxaban e fibrillazione atriale, i dati presentati a EHRA2019

Edoxaban_EHRA19

Si è tenuto a Lisbona dal 17 al 19 marzo il Meeting annuale dell’European Heart Rhythm Association, evento che riunisce ogni anno migliaia di ricercatori e clinici che operano nel campo dei disturbi del ritmo cardiaco. In quest’occasione sono stati presentati i risultati di due importanti studi riguardanti l’anticoagulante orale edoxaban, i quali hanno messo in evidenza i vantaggi associati all’utilizzo di questo inibitore diretto del fattore Xa in specifiche classi di pazienti affetti da fibrillazione atriale.

In particolare, lo studio osservazionale, multicentrico, multinazionale non interventistico e prospettico EMIT-AF/VTE ha valutato sicurezza ed efficacia nei pazienti affetti da fibrillazione atriale (FA) o tromboembolia venosa (VTE) trattati con edoxaban sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche. Sono stati arruolati 1.155 soggetti (età media: 71,9 ± 10,4 anni) provenienti da 7 Paesi, di cui 294 (26%) erano stati sottoposti a interventi a rischio emorragico minore (secondo la classificazione EHRA), 581 (50%) erano a basso rischio e 280 (24%) ad alto rischio. Di tutti i pazienti considerati il 30% ha continuato il trattamento senza interruzioni durante il periodo peri-procedurale, mentre il 73% non ha avuto interruzioni post-porocedurali.

L’endpoint primario dello studio era un endpoint di sicurezza, costituito dal verificarsi di un sanguinamento maggiore nel periodo compreso tra i 5 giorni precedenti e i 30 successivi a una procedura, e si è verificato nello 0,4% (5 su 1.155) dei pazienti. Inoltre, l’incidenza di emorragie è risultata bassa anche nelle procedure ad alto rischio, con lo 0,7% (2 su 280) di sanguinamenti maggiori e l’1,4% (4 su 280) di sanguinamenti non maggiori clinicamente rilevanti. Per quanto riguarda l’obiettivo secondario dello studio invece – costituito da un endpoint composito di diverse patologie cardiovascolari – il dato più rilevante è che l’incidenza di eventi trombotici/ischemic si è verificata solo nello 0,6% (7 su 1.155) dei pazienti.

“Fino a ora, i dati disponibili sulla gestione periprocedurale dei pazienti a cui veniva proscritto un NOAC come edoxaban e i risultati clinici associati erano limitati”, ha commentato Paolo Colonna, Professore di Cardiologia dell’Ospedale Universitario e Policlinico di Bari. “Le basse percentuali di sanguinamento e le complicanze tromboemboliche/ischemiche emerse dallo studio EMIT-AD/VTE forniscono informazioni sull’uso di questo farmaco in pazienti non selezionati sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche”.

Il trial prospettico e randomizzato a gruppi paralleli ELIMINATE-AF, invece, ha valutato l’efficacia e la sicurezza di un trattamento non interrotto con edoxaban nei pazienti affetti da fibrillazione atriale e sottoposti a procedura di ablazione transcatetere. In particolare, lo studio ha messo a confronto la somministrazione di edoxaban 60 mg non interrotta rispetto a una non interrotta di antagonisti della vitamina K (AVK). L’obiettivo primario era costituito dal confronto descrittivo del tempo trascorso fino al primo evento (morte per tutte le cause, ictus o emorragia maggiore secondo la definizione ISTH) osservato nella popolazione per-protocol dalla fine della procedura di ablazione fino alla fine del trattamento a 90 giorni nei due bracci di trattamento.

Questo si è verificato nello 0,3% dei soggetti (1 su 316) nel gruppo edoxaban rispetto al 2,0% (2 su 101) del gruppo AVK (HR 0,16; I.C. 95% 0,02 – 1,73). Inoltre, l’aderenza al trattamento con l’inibitore diretto del fattore Xa è risultata molto elevata (>97%). L’endpoint di sicurezza, invece – costituito dall’incidenza di sanguinamenti maggiori (secondo la definizione ISTH) dalla data della prima assunzione del farmaco fino alla fine del trattamento – si è verificato, prendendo in considerazione la popolazione mITT (intent-to-treat modificata), nel 2,5% (10/415) nel gruppo edoxaban e nell’1,5% (3/197) nel gruppo AVK (HR 1,68; I.C. 95% 0,46 – 6,07).

“Questi risultati mostrano che il trattamento continuo con edoxaban rappresenta un’alternativa all’anticoagulazione continua con AVK nei pazienti con FA e sottoposti a procedura di ablazione”, ha commentato Stefan Hohnloser, Direttore del Dipartimento di Elettrofisiologia della Goethe University di Francoforte e responsabile della ricerca. “Ciò è significativo perché la gestione dell’anticoagulazione peri-ablazione è molto più facile con edoxaban in monosomministrazione giornaliera e presenta un basso potenziale di interazione con altri farmaci”.

Realizzato con il contributo non condizionato di

daiichi_sankyo_logo

Ultimi articoli

Presentati a EHRA 2019 i risultati dello studio CABANA

Il recente congresso European Heart Rhythm Association, tenutosi a Lisbona dal 17 al 19 marzo, ha visto come punta di diamante la presentazione dei risultati dello studio CABANA sul confronto tra ablazione transcatetere e terapia farmacologica nel trattamento della fibrillazione atriale.

Leggi

AIAC presenta alla stampa il Congresso Nazionale 2019

Il 9 aprile 2019 si è tenuta a Milano presso il Palazzo Giustiniani la conferenza stampa di presentazione del 16° Congresso Nazionale AIAC che si terrà a Bologna dall’11 al 12 aprile.

Leggi

Fibrillazione atriale, un sistema bioelettrico per il ripristino del ritmo sinusale

Testato su modelli animali un sistema ibrido in grado di identificare gli eventi aritmici attraverso un sistema di monitoraggio e di ripristinare il ritmo sinusale mediante la stimolazione optogenetica di cellule geneticamente modificate.

Leggi