Notizie e commenti

Fibrillazione atriale e decadimento cognitivo

Un’analisi post-hoc degli studi ONTARGET e TRANSCEND conferma che la fibrillazione atriale (FA) è legata ad un rischio aumentato di declino funzionale e cognitivo, a prescindere dal verificarsi di ictus.

“I nostri risultati – ha dichiarato Irene Marzona dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, lead author dello studio pubblicato sul CMAJ – dimostrano un’associazione tra FA e esiti molto gravi: insorgenza di demenza, perdita di autosufficienza nello svolgimento delle attività quotidiane, ricovero in centri assistenziali per malattie croniche”: quest’ultimo dato si lega ad un “numero” impressionante, il 50 per cento di aumento di ricovero nei pazienti con FA.

Un limite delo studio, a giudizio degli stessi autori che afferiscono al Mario Negri e alla McMaster University di Hamilton, Canada – è nell’essere la popolazione esaminata già ad elevato rischio cardiovascolare. Ciononostante – e confermata la necessità di nuove ricerche – si riafferma l’esigenza di un controllo più stringente della FA, che indubbiamente rappresenta un fattore di rischio per patologie gravi e estremamente “pesanti” per il Servizio sanitario.

Fonte
CMAJ February 27, 2012 First published February 27, 2012, doi: 10.1503/cmaj.111173

Ultimi articoli

L’incontro AIAC per gli infermieri del Trentino Alto Adige

Il 25 ottobre si terrà presso il Polo Tecnologico di Rovereto un incontro per mettere a confronto le esperienze e i modi di lavorare degli infermieri nelle sale di elettrofisiologia e nelle telecardiologie della Regione.

Leggi

Online l’elenco degli infermieri e tecnici certificati

Gli infermieri e i tecnici che negli anni hanno superato l'esame di Certificazione di Competence in Aritmologia ed Elettrostimolazione Cardiaca per Infermieri e Tecnici di Cardiologia.

Leggi

Registro Ablazioni 2018, partecipare è importante

Anche quest’anno AIAC chiede a tutti i soci un piccolo sforzo per partecipare al Registro Italiano Ablazioni 2018. E’ un piccolo sforzo ma di importanza vitale per le prospettive dell’elettrofisiologia in Italia.

Leggi