Notizie e commenti

Fibrillazione atriale e decadimento cognitivo

Un’analisi post-hoc degli studi ONTARGET e TRANSCEND conferma che la fibrillazione atriale (FA) è legata ad un rischio aumentato di declino funzionale e cognitivo, a prescindere dal verificarsi di ictus.

“I nostri risultati – ha dichiarato Irene Marzona dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, lead author dello studio pubblicato sul CMAJ – dimostrano un’associazione tra FA e esiti molto gravi: insorgenza di demenza, perdita di autosufficienza nello svolgimento delle attività quotidiane, ricovero in centri assistenziali per malattie croniche”: quest’ultimo dato si lega ad un “numero” impressionante, il 50 per cento di aumento di ricovero nei pazienti con FA.

Un limite delo studio, a giudizio degli stessi autori che afferiscono al Mario Negri e alla McMaster University di Hamilton, Canada – è nell’essere la popolazione esaminata già ad elevato rischio cardiovascolare. Ciononostante – e confermata la necessità di nuove ricerche – si riafferma l’esigenza di un controllo più stringente della FA, che indubbiamente rappresenta un fattore di rischio per patologie gravi e estremamente “pesanti” per il Servizio sanitario.

Fonte
CMAJ February 27, 2012 First published February 27, 2012, doi: 10.1503/cmaj.111173

Ultimi articoli

Energia atomica per il cuore

La progettazione e l’impiego clinico di pacemaker con pile atomiche è stato un tassello importante dell’evoluzione tecnologica che ha portato allo sviluppo delle batterie contenute nei moderni device. Ripercorriamo insieme la storia dei pacemaker atomici.

Leggi

Storm aritmico: ACEi/ARB, statine o amiodarone?

Uno studio pubblicato su Pharmacology ha valutato l’impatto prognostico dei diversi approcci farmacologici disponili per il trattamento dei pazienti con storm aritmico.

Leggi

Supporto cardiopolmonare nell’ablazione dello storm aritmico

Uno studio pubblicato sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology ha mostrato l’esperienza con il sistema di supporto ECMO nelle procedure di ablazione dello storm aritmico in una corte di pazienti ad alto rischio

Leggi