Notizie e commenti

In attesa del Congresso, hai letto l’ultima newsletter?

Newsletter marzo

Mancano solo due giorni al Congresso nazionale dell’AIAC, in programma a Bologna giovedì 12 e venerdì 13 aprile. Questo non sarà solo l’occasione per discutere le ultime evidenze scientifiche prodotte in ambito aritmologico, ma anche per presentare il nuovo Presidente e il Consiglio Direttivo Nazionale dell’Associazione.

Nel frattempo, c’è ancora tempo per rileggere la newsletter AIAC di marzo. Vi troverete l’aggiornamento dei dati provenienti dal Registro Italiano Pacemaker e Defibrillatori – con un commento del primo autore Alessandro Proclemer , l’invito del Presidente AIAC Giuseppe Boriani a partecipare al nuovo Registro di European Society of Cardiology (ESC) e European Heart Rhythm Association (EHRA) sul trattamento della fibrillazione atriale (EORP AF III), un’intervista multipla a quattro giovani elettrofisiologi italiani sul sistema di mappaggio cardiaco Carto3 V6 (BioSense Webster Inc.), la presentazione del nuovo corso online per infermieri e tecnici di caridologia realizzato dalla task force AIAC sulla Clinical Competence e, infine, un bilancio del primo anno dall’introduzione della Legge Gelli-Bianco in materia di responsabilità medica. Infine, come sempre, le notizie dalla letteratura, tra cui un articolo sulle nuove linee guida dell’EHRA sull’utilizzo dei nuovi anticoagulanti orali nel trattamento della fibrillazione atriale.

VAI ALLA NEWSLETTER

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi