Notizie e commenti

Il sondaggio sull’ablazione delle aritmie ventricolari

Sondaggio AV

Carissimo Socio e Collega,

ti ricordiamo che è ancora accessibile il sondaggio sull’ablazione delle aritmie ventricolari. Si tratta di un breve questionario in cui chiederemo la tua esperienza nel trattamento interventistico di queste aritmie, dai casi più semplici a quelli più complessi. Sarai inoltre invitato a condividere le tue opinioni sulla attuale situazione organizzativa dell’elettrofisiologia italiana.

La compilazione del questionario richiede solo pochi minuti ma potrà fornirci spunti di riflessione importanti. Nella piena consapevolezza del rilevante carico di lavoro che quotidianamente siamo costretti a svolgere, ti chiediamo, nel caso tu non sia ancora riuscito a farlo, di partecipare al sondaggio cliccando sul pulsante in calce.

Il sondaggio sarà accessibile sino al 15 marzo pv.

A nome di tutti i membri della Area AIAC Ablazione delle Tachicardie Ventricolari, ti ringraziamo per il tuo prezioso contributo alla buona riuscita di tale importante iniziativa.

Michela Casella e Pasquale Vergara

PARTECIPA AL SONDAGGIO 

Vedi anche:
Il sondaggio AIAC sull’ablazione delle aritmie ventricolari. Intervista a Michela Casella.

Ultimi articoli

I primi passi del defibrillatore automatico impiantabile

Questo mese leggiamo insieme lo storico articolo di Michel Mirowski sulle prime esperienze con il defibrillatore automatico impiantabile, pubblicato nel 1985 su Journal of the American College of Cardiology. Un articolo di Achille Giardina.

Leggi

Fibrillazione atriale parosisstica, CRT e rischio di scompenso

I pazienti che presentano episodi intermittenti di fibrillazione atriale potrebbero beneficiare da una terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT)? Lo studio su JACC: Clinical Electrophysiology.

Leggi

Può il CHA2DS2-VASc score predire le aritmie atriali?

Lo score è in grado di predire l’insorgenza di fibrillazione atriale di nuova diagnosi in una coorte di pazienti portatori di dispositivi cardiaci impiantabili? Lo studio di Rovaris e colleghi pubblicato su Heart Rhyrthm.

Leggi