Notizie e commenti

Il nuovo direttore editoriale

Il collega Maurizio Landolina è il nuovo Direttore editoriale dell’AIAC succedendo a Maurizio Lunati dell’Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano che per vari anni ha guidato con dedizione e professionalità le attività editoriali della nostra Associazione, svolgendo il ruolo di membro del’Editorial Board sia del Giornale Italiano di Cardiologia sia del Journal of Cardiovascular Medicine.

“Sono molto onorato e accetto con entusiasmo l’incarico conferitomi”, commenta il dott. Landolina.  “Proseguirò sulla strada tracciata da Maurizio Lunati, collaborando con il Presidente Giuseppe Boriani, con il Presidente Eletto Renato Ricci e con tutto il Direttivo per rafforzare sempre più l’aspetto scientifico ed educazionale di AIAC.”

Direttore del Reparto di Cardiologia e Unità di Terapia  Intensiva  Coronarica dell’Ospedale Maggiore di Crema, Landolina è uno dei maggiori esperti nazionali di elettrofisiologia.  Nel corso degli ultimi 25 anni ha acquisito una grande esperienza in questo ambito della cardiologia, nell’ablazione transcatetere  delle principali aritmie, nel pacing cardiaco e negli impianti di CRT/ICD. È attivamente coinvolto in numerosi progetti scientifici. Ha pubblicato più di 500 lavori tra articoli su riviste scientifiche peer reviewed, abstract e capitoli di libri. È fellow della Società Europea di Cardiologia e revisore per numerose riviste scientifiche internazionali.

Prima di assumere la direzione del Reparto di Cardiologia dell’Ospedale di Crema, Landolina è stato responsabile della Struttura Semplice di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione del Dipartimento di Cardiologia della Fondazione Policlinico San Matteo, IRCCS, di Pavia dal 1998, e professore a contratto di Cardiologia presso la Scuola di Specializzazione di Cardiologia dell’Università di  Pavia.

Ultimi articoli

Stimolazione “closed loop” per il trattamento della sincope cardioinibitoria

Un gruppo di ricerca italiano ha messo a confronto gli effetti di una stimolazione CLS  e di una DDD, in termini di variazioni emodinamiche e di occorrenza della sincope indotta tramite tilt test, su un campione di pazienti affetti da sincope vasovagale cardioinibitoria.

Leggi

Sincope neuromediata e impianto di pacemaker

Una meta-analisi pubblicata su Europace ha valutato il beneficio dell’impianto del pacemaker in pazienti con sincope neuromediata e asistolia documentata mediante loop recorder.

Leggi

L’utilizzo dei loop recorder impiantabili nella pratica clinica

Sul Journal of Arrhythmia una revisione relativa al ruolo del looprecorder impiantabile nella pratica clinica, dall'utilizzo nell'ambito della perdita transitoria dello stato di coscienza fino all'impiego in contesti di ricerca.

Leggi