Notizie e commenti

Le guide dell’APDIC per i pazienti portatori di dispositivi

Articolo guide APDIC

L’Associazione Portatori di Dispositivi Impiantabili Cardiaci (APDIC) è un’associazione, nata dall’azione coordinata di un gruppo di pazienti e di medici dell’istituto di Cardiologia del Policlinico S. Orsola – Malpighi di Bologna, che ha l’obiettivo di promuovere il benessere fisico, mentale e sociale delle persone curate con dispositivi cardiaci impiantabili. Inoltre, l’APDIC è una delle associazioni che hanno aderito all’iniziativa AIAC con NOI, la task force voluta dal Presidente dell’AIAC Giuseppe Boriani finalizzata a creare una collaborazione tra l’AIAC e le associazioni di pazienti presenti sul territorio nazionale.

Recentemente, l’APDIC ha realizzato e diffuso quattro guide pratiche destinate ai pazienti portatori di dispositivi impiantabili, ognuna dedicata a un problema specifico (patente di guida, cybersicurezza, definizioni e attività fisica). Le guide in questione sono consultabili acceddendo alla sezione Guide (inclusa nel menù Per il paziente) o cliccando sui seguenti link:

Guida APDIC n.1 | PATENTE DI GUIDA

Guida APDIC n.2 | CYBERSICUREZZA

Guida APDIC n.3 | DEFINIZIONI

Guida APDIC n.4 | ATTIVITÀ FISICA

Ultimi articoli

I primi passi del defibrillatore automatico impiantabile

Questo mese leggiamo insieme lo storico articolo di Michel Mirowski sulle prime esperienze con il defibrillatore automatico impiantabile, pubblicato nel 1985 su Journal of the American College of Cardiology. Un articolo di Achille Giardina.

Leggi

Fibrillazione atriale parosisstica, CRT e rischio di scompenso

I pazienti che presentano episodi intermittenti di fibrillazione atriale potrebbero beneficiare da una terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT)? Lo studio su JACC: Clinical Electrophysiology.

Leggi

Può il CHA2DS2-VASc score predire le aritmie atriali?

Lo score è in grado di predire l’insorgenza di fibrillazione atriale di nuova diagnosi in una coorte di pazienti portatori di dispositivi cardiaci impiantabili? Lo studio di Rovaris e colleghi pubblicato su Heart Rhyrthm.

Leggi