Notizie e commenti

Progetti di ricerca dai Consigli Regionali: i vincitori

Bando Consigli Regionali

Il Consiglio Direttivo Nazionale comunica che la commissione per la valutazione dei progetti di ricerca presentati dai Presidenti regionali al Consiglio Direttivo Nazionale (vedi bando) ha valutato cinque proposte inviate dai Consigli Regionali della Lombardia, Puglia, Sardegna e Liguria.

Dopo un’attenta valutazione la Commissione ha deciso di premiare i seguenti progetti:

1)“Rete aritmologica pugliese: realizzazione di un sito informatico”, presentato dalla Regione Puglia.

2)“Chiusura percutanea dell’auricola sinistra in Lombardia: percezione, realtà e fabbisogni”, presentato dalla Regione Lombardia.

Il Consiglio Direttivo Nazionale ha molto apprezzato il lavoro svolto dai Presidenti e Consiglieri regionali, i quali si sono impegnati con queste iniziative a innalzare il livello scientifico, formativo e organizzativo della nostra associazione, e si congratula con loro.

Il Consiglio Direttivo ribadisce il suo impegno a riproporre l’iniziativa anche per il prossimo anno e invita i Presidenti e i Consigli Direttivi Regionali a lavorare già da ora a impostare nuovi progetti da presentare nel 2018.

 

Il Consiglio Direttivo Nazionale

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi