Notizie e commenti

Una nuova iniziativa: AIAC con NOI

Cari soci, cari pazienti e cari familiari dei nostri pazienti,

è con un certo orgoglio che voglio indirizzare alcune righe di incoraggiamento a una nuova iniziativa di AIAC, che verrà presentata in dettaglio dalla professoressa Valeria Calvi. Si tratta di una nuova avventura, basata sulla volontà di AIAC di creare un ponte fra i professionisti (medici, infermieri, tecnici) e i cittadini, i pazienti e i loro familiari, spesso disorientati e insicuri nell’approccio a una realtà complessa come quella delle malattie del ritmo e dei loro trattamenti con metodiche ablative o con dispositivi elettrici.

La necessità di dialogare e coinvolgere i pazienti nell’approccio alle nostre patologie ma anche tranquilizzarli e affiancarli nella soluzione dei loro problemi pratici è qualcosa che, in un mondo ipertecnologico come quello della medicina attuale, rischia di essere dimenticato o ritenuto elemento marginale. Viceversa, per sottolineare l’importanza della vicinanza ai pazienti e del loro ascolto, abbiamo ritenuto necessario iniziare qualcosa di nuovo: istituire AIAC con NOI, una task force che include nostri associati e rappresentanti delle associazioni di pazienti, in un’ottica di dialogo e sostegno alle loro esigenze, in linea con la tematica estremamente attuale del patient empowerment.

È qualcosa di assolutamente nuovo per un’associazione di specialisti, ma siamo convinti che questa strada sia da percorrere, anche se tutto è da decidere ex novo.

I migliori auguri alla nuova task force e buon lavoro.

Giuseppe Boriani
Presidente AIAC

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi