Notizie e commenti

Voti dei pazienti e outcome clinici

I giudizi dei pazienti sulle strutture ospedaliere coincidono – in modo forse inaspettato ‒ con le valutazioni obiettive della performance delle stesse, almeno in Gran Bretagna. Lo rivela uno studio pubblicato dagli Archives of Internal Medicine.

Sono ormai numerosi in tutto il mondo i siti internet che permettono di esprimere un giudizio su medici o strutture sanitarie, siti spesso al centro di critiche molto forti da parte degli operatori sanitari perché accusati di diffondere giudizi del tutto soggettivi o comunque basati su criteri non scientifici ma emozionali, non generali ma personali. Nessuno studio aveva finora però analizzato il rapporto tra questi giudizi e le misurazioni della qualità delle performance ospedaliere implementate da alcuni sistemi sanitari.

I ricercatori dell’Imperial College di Londra coordinati da Felix Greaves hanno preso in esame 10.274 “recensioni” di ospedali postate sul sito NHS Choices nel 2009 e nel 2010. Incrociando i giudizi dei pazienti e dei loro familiari con dati obiettivi sulle strutture ospedaliere britanniche in questione, si è verificato che esiste un forse inatteso ma chiaro parallelismo tra le due valutazioni. Gli ospedali con le medie-voto più elevate da parte dei pazienti presentano tassi di mortalità e riammissione ospedaliera non programmata meno elevati (rispettivamente -5% e -11%), e gli ospedali giudicati più puliti dai pazienti presentano tassi di infezioni da MRSA meno elevati (addirittura -42%).

“Oggi sono ormai disponibili per il pubblico molti dati sulle performance delle strutture ospedaliere”, spiega Felix Greaves della School of Public Health dell’Imperial College, “ma la gente non utilizza questo tipo di valutazioni tecniche e le trova molto spesso difficili da comprendere. Il nostro studio rivela invece che i giudizi dei pazienti e dei loro familiari, almeno quelli su NHS Choices, possono rivelarsi utili e preziosi. Il parallelismo tra buone medie-voto e valutazioni tecniche delle performance ospedaliere è tutt’altro che perfetto, è possibile trovare un ospedale che ha ottimi voti su NHS Choices ma tassi di mortalità troppo elevati o viceversa, tuttavia il trend generale è che quando la performance di una struttura ospedaliera britannica viene valutata positivamente seguendo le misurazioni standard, anche la soddisfazione dei pazienti sembra essere elevata, e lo stesso vale per gli aspetti negativi”.

Sarà vero, come sostiene James Surowiecki, che le masse spesso riescono ad emettere giudizi più saggi di quelli individuali?

Fonte
Greaves F, Pape UJ, King D et al. Associations Between Web-Based Patient Ratings and Objective Measures of Hospital Quality. Arch Intern Med 2012; doi:10.1001/archinternmed.2011.1675

Ultimi articoli

Energia atomica per il cuore

La progettazione e l’impiego clinico di pacemaker con pile atomiche è stato un tassello importante dell’evoluzione tecnologica che ha portato allo sviluppo delle batterie contenute nei moderni device. Ripercorriamo insieme la storia dei pacemaker atomici.

Leggi

Storm aritmico: ACEi/ARB, statine o amiodarone?

Uno studio pubblicato su Pharmacology ha valutato l’impatto prognostico dei diversi approcci farmacologici disponili per il trattamento dei pazienti con storm aritmico.

Leggi

Supporto cardiopolmonare nell’ablazione dello storm aritmico

Uno studio pubblicato sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology ha mostrato l’esperienza con il sistema di supporto ECMO nelle procedure di ablazione dello storm aritmico in una corte di pazienti ad alto rischio

Leggi