Notizie e commenti

Tachicardia a complessi larghi in paziente con anomalia di Ebstein

A cura di Laura Cipolletta, SOD Clinica di Cardiologia e Aritmologia, Ospedali Riuniti di Ancona 

La paziente è una ragazza di 16 anni con anamnesi di malattia di Ebstein trattata chirurgicamente con pregressi episodi di tachicardia atriale 2:1. Il tracciato in esame è stato registrato in Pronto Soccorso dove si era recata per cardiopalmo e iniziali segni di compromissione emodinamica.

L’ECG mostra una tachicardia con frequenza cardiaca di 150/min a complessi larghi (circa 140 ms).In D2 è visibile un’onda P che appare dissociata dal QRS.

L’asse è superiore e la morfologia a blocco di branca sinistro con concordanza negativa nelle precordiali. Secondo i criteri di Brugada:

  • È presente una concordanza negativa nelle precordiali.
  • L’intervallo R-S è > di 100 ms in almeno una derivazione precordiale.
  • È visibile una dissociazione AV.
  • Presenza di un aspetto QS in V6 con la durata dell’intervallo tra l’inizio del QRS al picco del QS > di 60 ms.
    Si può pertanto diagnosticare una tachicardia ventricolare.

Di seguito la derivazione D2 in ritmo sinusale dopo cardioversione elettrica.

La risonanza cardiaca mostrava un ventricolo destro severamente dilatato con pareti marcatamente assottigliate ed aneurismatiche.

La paziente ha eseguito un impianto di S-ICD con il catetere posizionato in parasternale destra data la marcata dilatazione del ventricolo destro.

Bibliografia
– Oreto G, Luzza F, Satullo G, et al. Tachicardia a QRS larghi: un problema antico e nuovo. Giornale Italiano di Cardiologia 2009; 10: 581 – 595.
– Cipolletta L, Luzi M, Piangerelli L, et al. Entirely Subcutaneous Implantable Defibrillator Safest Option in a Young Girl With Ventricular Tachycardia and Ebstein Anomaly. Circulation: Arrhythmia & Electrophysiology 2014; 7: 358 – 359.
– De Ponti R, Bagliani G, Padeletti L, et al. General Approach to a Wide QRS Complex. Cardiac Electrophysiology Clinics 2017;9: 461 – 485.

Ultimi articoli

Stimolazione “closed loop” per il trattamento della sincope cardioinibitoria

Un gruppo di ricerca italiano ha messo a confronto gli effetti di una stimolazione CLS  e di una DDD, in termini di variazioni emodinamiche e di occorrenza della sincope indotta tramite tilt test, su un campione di pazienti affetti da sincope vasovagale cardioinibitoria.

Leggi

Sincope neuromediata e impianto di pacemaker

Una meta-analisi pubblicata su Europace ha valutato il beneficio dell’impianto del pacemaker in pazienti con sincope neuromediata e asistolia documentata mediante loop recorder.

Leggi

L’utilizzo dei loop recorder impiantabili nella pratica clinica

Sul Journal of Arrhythmia una revisione relativa al ruolo del looprecorder impiantabile nella pratica clinica, dall'utilizzo nell'ambito della perdita transitoria dello stato di coscienza fino all'impiego in contesti di ricerca.

Leggi