Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

“Il defibrillatore sottocutaneo S-ICD”: il libro

S-ICD book

È ora disponibile il libro “Il defibrillatore sottocutaneo S-ICD. Storia, evoluzione e pratica clinica”, scritto da Giovanni Bisignani, Silvana De Bonis e Antonio Bisignani con la collaborazione di Andrea Droghetti e Luca Auricchio. Il testo ha l’obiettivo di dare un valido aiuto a chi si avvicina all’uso di questo nuovo dispositivo, fornendo un contributo che nasce dal “vissuto clinico” di chi si occupa quotidianamente della prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Il libro, infatti, offre una panoramica completa (condita da un’iconografia dettagliata) delle indicazioni corrette al defibrillatore sottocutaneo, della procedura di impianto, delle recenti innovazioni in ambito anestesiologico, delle possibilità riguardanti il controllo da remoto. Inoltre, il testo contiene un intero capitolo dedicato alla risonanza magnetica in pazienti portatori di questo dispositivo, fondamentale per guidare i clinici in questa particolare situazione.

“A Giovanni Bisignani e ai co-Autori – scrive Ciro Indolfi nella prefazione – porgo le mie congratulazioni per aver colmato con questo testo, completo e dettagliato, il vuoto di informazioni su questa nuova opportunità. Il defibrillatore sottocutaneo, infatti, consente il trattamento efficace di aritmie cardiache letali senza una continuità fisica con le camere cardiache proteggendo il paziente da importanti complicanze”.

Ultimi articoli

I primi passi del defibrillatore automatico impiantabile

Questo mese leggiamo insieme lo storico articolo di Michel Mirowski sulle prime esperienze con il defibrillatore automatico impiantabile, pubblicato nel 1985 su Journal of the American College of Cardiology. Un articolo di Achille Giardina.

Leggi

Fibrillazione atriale parosisstica, CRT e rischio di scompenso

I pazienti che presentano episodi intermittenti di fibrillazione atriale potrebbero beneficiare da una terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT)? Lo studio su JACC: Clinical Electrophysiology.

Leggi

Può il CHA2DS2-VASc score predire le aritmie atriali?

Lo score è in grado di predire l’insorgenza di fibrillazione atriale di nuova diagnosi in una coorte di pazienti portatori di dispositivi cardiaci impiantabili? Lo studio di Rovaris e colleghi pubblicato su Heart Rhyrthm.

Leggi