Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Defibrillatori impiantabili a confronto: una metanalisi

Basu-Ray e colleghi hanno condotto una revisione sistematica dei database PubMed e Embase, prendendo in considerazione gli studi che confrontavano direttamente gli esiti clinici associati all’impianto di un S-ICD e di un TV-ICD in pazienti adulti e quelli che contenevano dati sulle complicanze associate all’elettrocatetere, complicanze non associate all’elettrocatetere, terapie inappropriate e appropriate (1).

In totale, sono stati selezionati 5 studi, per un totale di oltre 6400 pazienti. La metanalisi ha evidenziato che le complicanze associate all’elettrocatetere erano 7,3 volte più comuni nel gruppo TV-ICD, rispetto al gruppo S-ICD (1,02% vs. 0,14%; P = 0,0001).

I tassi di infezione sono risultati simili tra i due gruppi (0,34% per il gruppo S-ICD e 0,31% per il gruppo TV-ICD). Tuttavia, gli autori hanno sottolineato che il tipo di infezione era spesso diverso. Ad esempio,  nel gruppo S-ICD non sono emerse infezioni intravascolari, risultate associate in altri studi a un tasso più elevato di morbilità e mortalità (2,3).

Il tasso di shock inappropriati era del 9,4% nei pazienti TV-ICD rispetto all’8,3% dei pazienti S-ICD. Nonostante si tratti di valori numeri simili, la natura degli shock in questione è molto diversa: la causa principale era la tachicardia sopraventricolare per i TV-ICD e l’oversensing dell’onda T per gli S-ICD. I dati in questa metanalisi, tuttavia, fanno riferimento a dispositivi appartenenti alla prima generazione di sistemi S-ICD, non dotati della tecnologia SMART-PAss (filtro digitale a 9 Hz). Questa ha permesso, nello studio EFFORTLESS, di ottenere una riduzione degli shock inappropriati del 3,8% (4).

Vedi anche:
Con l’-S-ICD meno complicanze e shock inappropriati
SMART Pass, un algoritmo per ridurre gli shock inappropriati

Bibliografia

  1.  Basu-Ray JL, Jia X, Gold M, et al. Subcutaneous versus transvenous implantable defibrillator therapy. Journal of the American College of Cardiology EP 2017; DOI: 10.1016/j.jacep.2017.07.017.
  2.  Tarakji KG, Wazni OM, Harb S, et al. Risk factors for 1-year mortality among patients with cardiac implantable electronic device infection undergoing transvenous lead extraction: the impact of the infection type and the presence of vegetation on survival. Europace 2014; 16: 1490 – 1495.
  3. Bongiorni MG. ELECTRa (European Lead Extraction ConTRolled) Registry: Long-term outcomes on transvenous lead extraction in Europe. Heart Rhythm 2016; 4 – 7 Maggio, San Francisco, USA.
  4. Theuns DA, Burke MC, Allavatam V, et al. Evaluation of a novel algorithm designed to reduce oversensing in the S-ICD. Heart Rhythm 2016; 4 – 7 Maggio, San Francisco, USA.

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi