Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

I driver che guidano la scelta di un defibrillatore sottocutaneo

“È cruciale, nei pazienti giovani con indicazione all’impianto di un ICD, pensare all’impianto di un defibrillatore sottocutaneo”. Abbiamo chiesto a Stefano Viani, cardiologo dell’UO di Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana, di descrivere le situazioni in cui l’impianto di un S-ICD rappresenta la scelta clinica più indicata.

Vedi anche:
Il futuro dell’S-ICD dalle indicazioni alla tecnologia
Con l’S-ICD meno complicanze e shock inappropriati
ICD: complicanze a lungo termine e re-interventi

Ultimi articoli

Punti di forza e di debolezza della CRT leadless

In occasione del XVI Congresso Nazionale dell'AIAC, Mauro Biffi fa il punto sulle potenzialità e sui limiti della terapia di resincronizzazione cardiaca mediante tecnologia leadless.

Leggi

Bioetica e device impiantabili. Un’area AIAC dedicata

La presentazione dell'Area di Bioetica di AIAC, nata con l'obiettivo di chiarire le tematiche - dal rapporto medico/paziente all'equità nell'accesso alle cure - relative ai problemi morali inerenti l’assistenza sanitaria, la ricerca biomedica e l’innovazione tecnologica in ambito sanitario.

Leggi

Nasce il progetto AIAC ACADEMY

L’AIAC ha avviato un progetto finalizzato alla formazione continua e al training dei giovani nelle metodiche interventistiche. Si richiede quindi ai centri aritmologici italiani la disponibilità ad accogliere giovani cardiologi per degli stage di perfezionamento.

Leggi