#dispositivi impiantabili

Guida APDIC n.3 | Definizioni

Guida APDIC 3

La terza guida APDIC è una sorta di vocabolario di tutti quei termini che spesso si trovano nei manualetti delle case produttrici dei dispositivi.

Leggi

Guida APDIC n.4 | Attività fisica

Guida APDIC 4

L’attività fisica regolare, unitamente a un corretto regime alimentare, contribuisce per tutti a mantenere un sano stile di vita. Ma anche per i portatori di dispositivi cardiaci?

Leggi

Nuovi algoritmi automatici tra sicurezza ed efficacia

Gli algoritmi automatici per la gestione della stimolazione atriale e ventricolare possono migliorare la longevità dei dispositivi cardiaci impiantabili e la gestione del paziente portatore di pacemaker, riducendo il numero di controlli elettronici e di procedure di sostituzione del generatore. Uno studio recente di Mauro Biffi e collaboratori ha valutato la sicurezza, l’efficacia e l’impatto sulla longevità del dispositivo dei nuovi algoritmi ACC e VCC di Biotronik.

Leggi

RI-AIAC: il registro sulle infezioni associate ai dispositivi medici

RI-AIAC è un progetto che l'AIAC propone a tutti i suoi associati e a tutti i centri di elettrostimolazione italiani. Si tratta di un progetto composito che include un questionario e una survey. Lo scopo è valutare la prevalenza dei fattori di rischio infettivo nei pazienti impiantati con un dispositivi cardiaci elettronici impiantabili (CIED) in Italia, valutare il tipo di profilassi antibiotica pre-operatoria ed intra-operatoria attualmente utilizzata in Italia, e valutare la percentuale di infezioni CIED nei 12 mesi successivi all’ultima procedura CIED.

Leggi

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi