Ultimi articoli

Addio a Greatbatch…

Si è spento a 92 anni Wilson Greatbatch, l'inventore del pacemaker cardiaco impiantabile. Il dispositivo che oggi fa battere i cuori di milioni di pazienti gli è valso diversi premi, non ultimo il Lemelson-MIT Prize nel 1996, che Greatbatch aveva ricevuto all'età di 76 anni

Leggi

L’AIAC per e con gli infermieri

Bellaria ospita lo storico appuntamento dell’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione per l’aggiornamento del personale infermieristico e tecnico di fisiopatologia cardiocircolatoria. Perché un congresso di aritmologia dedicato agli infermieri? Risponde Maria Grazia Bongiorni, Presidente AIAC.

Leggi

A Pisa il primo pacemaker RMI

Presso l’ospedale Santa Chiara di Pisa è stato impiantato su un paziente di 32 anni, affetto da blocco atrio-ventricolare, il primo pacemaker Accent MRI e il catetere Tendril MRI, nuove tecnologie di St. Jude Medical. Il nuovo sistema permette anche ai pazienti che debbono portare questi dispositivi salvavita di sottoporsi a una risonanza magnetica (MRI) ad alta risoluzione di tutto il corpo.

Leggi

I numeri europei dell’ablazione

All'ESC Congress 2011 sono stati presentati i frutti del primo Registro europeo sulla ablazione della fibrillazione atriale. Quattro pazienti su dieci sottoposti ad ablazione transcatetere non hanno delle malattie associate all’artimia e i fattori precipitanti sono rari. Nella maggior parte dei casi la malattia presenta dei sintomi che però sono variabili.

Leggi

Apixaban migliore del warfarin

ARISTOTLE dimostra la superiorità dell'apixaban rispetto al warfarin, nel ridurre il rischio di ictus, sanguinamento maggiore e mortalità per ogni causa nei pazienti con con fibrillazione atriale. Il risultati del trial clinico di fase III ARISTOTLE sono stati presentati durante al Congresso della Società europea di cardiologia in corso a Parigi e pubblicati sul New England Journal of Medicine.

Leggi

Estate in salute

Per prevenire problemi di cuore in estate l'Associazione Lotta alla Fibrillazione Atriale (AFA) raccomanda 10 regole d'oro.

Leggi

Embolie post-ablazione RF?

Pare che il rischio ci sia quando si utilizzano cateteri multielettrodi con radiofrequenza nell’ablazioni per il trattamento della fibrillazione atriale. I dubbi, o conferme, vengono da due studi praticamente identici pubblicati a distanza di cinque mesi l’uno dell’altro.

Leggi

Ci vediamo a Bellaria

Intervista a Sergio Sermasi, coordinatore del XV Corso di Aggiornamento in Aritmologia e Cardiostimolazione per infermieri e tecnici di fisiopatologia cardiocircolatoria, membro dell'Area Nursing dell'AIAC, Servizio di Cardiologia Ospedale degli Infermi di Rimini.

Leggi

Uno score a misura di anziano

Sul BMJ uno studio comparativo mette in luce i limiti prognostici degli score raccomandati dalle linee-guida internazionali per stratificare il rischio di ictus nel paziente anziano con fibrillazione atriale.

Leggi

Centri specializzati e non solo

Intervista a Charles Kennergren della University of Gothenburg, al 1° International Workshop on Lead Extraction. Quali cambiamenti sono necessari per una buona gestione dell'estrazione degli elettrocateri in cardiochirurgia?

Leggi