AIDMED onlus

AIDMED onlus, un’organizzazione sociale senza scopo di lucro, ha lo scopo di coinvolgere tutte le persone affette da distrofia muscolare di Emery-Dreifuss (EDMD) e le loro famiglie, costruendo una rete di solidarietà e di sostegno.

Essendo EDMD una malattia rara, non è facile per i pazienti condividere la loro esperienza. Con l’aiuto di AIDMED Onlus, i pazienti vengono aiutati a ottenere maggiori informazioni, condividere le loro preoccupazioni e essere informati sui migliori ospedali di eccellenza e medici specialisti. Rilevanza fondamentale visto il severo coinvolgimento del muscolo cardiaco è l’indirizzo in centri cardiologici ove vi sia uno specialista che conosca bene le laminopatie e in particolare l’EDMD.

A noi si rivolgono anche pazienti affetti da altre patologie muscolari che hanno bisogno di informazioni, in tutti i casi si cerca di dare un’adeguata risposta.

Altro nostro prioritario obiettivo è quello di raccogliere fondi da destinare a progetti di ricerca, per fare questo si organizzano diverse iniziative. AIDMED onlus collabora con il Network Italiano Laminopatie, gruppo composto da ricercatori e clinici di varie specializzazioni. Negli ultimi due anni non solo sono coinvolti pazienti italiani e le loro famiglie, ma attraverso i social network e il sito web si sono attivati contatti a livello internazionale.

Il Presidente
Claudio Franchi

I nostri contatti
www.aidmed.org
e-mail: associazione.edmd@libero.it
tel. 059 305491 | cell. 347 2121314
Facebook: @AIDMEDonlus

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi