APDIC onlus

logo-apdicAPDIC onlus (associazione portatori dispositivi impiantabili cardiaci) è un’associazione di volontariato senza fine di lucro nata a Bologna dal 2010 grazie all’azione coordinata di un gruppo di pazienti e del dott. Mauro Biffi e del prof. Giuseppe Boriani, dell’istituto di Cardiologia del Policlinico S. Orsola – Malpighi. L’APDIC opera in ambito prevalentemente provinciale, ma accoglie fra i suo associati anche pazienti provenienti e da altre provincie e regioni. Numerose sono le richieste di informazioni che provengono da pazienti di altre regioni d’Italia.

A norma di Statuto, l’Associazione opera per la promozione del benessere fisico, mentale e sociale delle persone curate con dispositivi cardiaci impiantabili.

Fra gli ambiti di attività prevalenti dell’APDIC si segnalano:

–   iniziative di informazione e formazione a favore dei pazienti affinché essi possano essere parte attiva nella terapia delle patologie in trattamento: incontri presso l’Istituto di Cardiologia dell’Ospedale S. Orsola – Malpighi di Bologna, diffusione di materiale a stampa, cura del sito web www.apdic.it, diffusione a stampa e tramite sito web della rivista APDIC;

–   attività di raccolta, verifica e diffusione di informazioni aggiornate sugli aspetti particolari legati alla terapia con un dispositivo impiantabile, per sensibilizzare il comportamento delle istituzioni alla rimozione delle “barriere burocratiche” e delle discriminazioni attualmente presenti in molteplici aspetti della quotidianità: presenza di volontari presso l’Ambulatorio Pace Maker dell’Istituto di Cardiologia dell’Ospedale S. Orsola – Malpighi di Bologna, contatti con Assessorato regionale alla Salute per l’esenzione dal pagamento del ticket per i controlli dei dispositivi – azione andata a buon fine, accordo con il Presidente della Commissione Unica per le operazioni di rinnovo delle patenti di guida, supporto alle iniziative per il controllo remoto o per il controllo in strutture periferiche più vicine ai cittadini;

–   ricerca volta a favorire la comprensione delle necessità delle persone trattate con dispositivi impiantabili e la realizzazione di nuove tecnologie dirette a soddisfarle, per migliorare la qualità di vita e orientare lo sviluppo tecnologico verso finalità di valore pratico ad alto impatto individuale e sociale: ricerche sulle aspettative dei pazienti e sull’esito delle visite mediche per il rinnovo delle patenti; concorso indetto fra le scuole secondarie di secondo grado della provincia di Bologna per sensibilizzare gli studenti sul tema dell’arresto cardiaco. Con il patrocinio dell’Ufficio scolastico regionale, alle scuole partecipanti è stato chiesto di approfondire il tema, anche con l’intervento di cardiologi messi a disposizione dall’APDIC. Le scuole aderenti hanno partecipato con prodotti di singoli o gruppi di studenti. Alle ciascuna delle due scuole vincitrici è stato consegnato un defibrillatore semiautomatico; sul tema dell’arresto cardiaco si colloca la collaborazione con singoli comuni per la diffusione di defibrillatori in punti strategici del territorio comunale e per l’organizzazione di incontri informativi e formativi sulle modalità di intervento aperti a tutti i cittadini;

–   Premio Lomastro (premio annuale a carattere scientifico) assegnato a giovani operatori sanitari che si siano particolarmente distinti nella ricerca e nella cura dei pazienti portatori di dispositivo cardiaco impiantabile;

–   Vita sociale attraverso l’organizzazione di gite, incontri culturali, conviviali e ricreativi.

Armando Luisi
Presidente APDIC

 

 

Ultimi articoli

I primi passi del defibrillatore automatico impiantabile

Questo mese leggiamo insieme lo storico articolo di Michel Mirowski sulle prime esperienze con il defibrillatore automatico impiantabile, pubblicato nel 1985 su Journal of the American College of Cardiology. Un articolo di Achille Giardina.

Leggi

Fibrillazione atriale parosisstica, CRT e rischio di scompenso

I pazienti che presentano episodi intermittenti di fibrillazione atriale potrebbero beneficiare da una terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT)? Lo studio su JACC: Clinical Electrophysiology.

Leggi

Può il CHA2DS2-VASc score predire le aritmie atriali?

Lo score è in grado di predire l’insorgenza di fibrillazione atriale di nuova diagnosi in una coorte di pazienti portatori di dispositivi cardiaci impiantabili? Lo studio di Rovaris e colleghi pubblicato su Heart Rhyrthm.

Leggi