Fondazione Giorgio Castelli

La Fondazione nasce nel ricordo di Giorgio, giovane calciatore dilettante morto nel 2006 per arresto cardiaco durante un allenamento. La mission della Fondazione è quella di contribuire alla lotta contro le malattie cardio-vascolari che costituiscono la principale causa di morte nei Paesi cosiddetti evoluti. Per le sue attività è conosciuta a livello nazionale ed è considerata punto di riferimento per la lotta alla morte cardiaca improvvisa.

La Fondazione Giorgio Castelli onlus è particolarmente impegnata nella divulgazione tra la popolazione della Cultura dell’emergenza e del primo soccorso sia attraverso eventi mediatici che corsi di addestramento alle tecniche di rianimazione cardio-polmonare e mediante l’utilizzo del defibrillatore semiautomatico (BLS-D). Ad oggi sono state gratuitamente formate alla BLS-D oltre 11.000 persone che assistono i giovani nello sport, nelle scuole, negli oratori; sono stati donati inoltre 360 defibrillatori di ultima generazione. Di particolare rilievo la cardio-protezione dei luoghi simbolo della nostra Città come il Campidoglio, le 4 Basiliche giubilari ed il Colosseo.

L’ultimo progetto avviato nelle ultime settimane riguarda l’addestramento alle tecniche BLS-D degli Allievi Carabinieri della Scuola di Roma.

Per maggiori informazioni: www.gc6.org

Ultimi articoli

Sport e cardiologia: il caso Astori

Il secondo degli approfondimenti del Prof. Francesco Furlanello, scritti in qualità di esperto di cardioaritmologia sportiva, su eventi di cronaca a cavallo tra il mondo dello sport e quello della cardiologia.

Leggi

AIAC e Federanziani insieme per il riconoscimento precoce della FA

Da Senior Italia FederAnziani e AIAC il Manifesto della prevenzione della fibrillazione atriale nei soggetti over 60, con indicazioni utili per i cittadini, gli operatori sanitari e le istituzioni.

Leggi

Cardiomiopatia ipertrofica, un ICD altera la qualità della vita?

In pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, l'erogazione di shock da parte di defibrillatori impiantabili non si associa a una riduzione a lungo termine della qualità della vita o a un rischio maggiore di scompenso cardiaco.

Leggi