Registro estrazione elettrocateteri, avarie e complicanze

Chairman

Maria Grazia Bongiorni

Co-Chairman

Pier Giorgio Golzio

Attività 2010-2012

Obiettivi

Il numero di impianti e sostituzione di PM ed ICD sta progressivamente crescendo e le ragioni di ciò, come è a tutti noto, sono da ricercare nell’aumento delle indicazioni all’impianto, della vita media dei pazienti e dei sistemi di stimolazione, e nella sempre maggiore complessità clinica dei malati, che spesso richiede up-grade di sistemi già impiantati.

Il suddetto aumento si ripercuote inevitabilmente in un incremento delle complicanze infettive e non, che richiedono in molti casi l’estrazione dell’intero apparato di stimolazione o defibrillazione. In Italia diversi Centri (alcuni da parecchio tempo, altri più recentemente) hanno iniziato a svolgere procedure di estrazione di elettrocateteri da stimolazione e defibrillazione cardiaca.

L’AIAC ha inteso creare un Registro Nazionale delle Estrazioni dei cateteri affinché le casistiche raccolte dai vari Centri confluiscano in un Database comune. Lo scopo di tale Database è quello di permettere la verifica ed il confronto di esperienze diverse, nonché di monitorizzare l’attività dei singoli Centri. Scopo indiretto del Registro è anche di creare una “Rete” Italiana che copra tutto il territorio nazionale e che permetta un veloce collegamento tra i Centri che effettuano le estrazioni. Ultimo (ma non minore) scopo della creazione del Registro è quello di mettere a disposizione di tutti un back-ground culturale, tecnico e di esperienza relativo alle problematiche delle estrazioni attraverso periodiche riunioni dei partecipanti ed attraverso la pubblicazione dei risultati.

Il sito Web raccoglierà i dati immessi nel Database dai singoli Centri e li proporrà agli utenti in maniera anonima, fornendo in tempo reale lo stato dell’attività svolta globalmente nel Paese.
La pubblicazione dei risultati avverrà nel sito Web stesso, nonché sulla rivista nazionale di settore (GIAC) e altre riviste cardiologiche.

Alcuni Centri hanno già aderito all’iniziativa. Considerando l’aumento previsto delle procedure, si auspica che tutti i Centri che eseguono tale attività aderiranno al Registro. A tale scopo sarà necessario farne apposita domanda, mediante compilazione on-line del modulo allegato. La Commissione del Registro valuterà l’idoneità del Centro sulla base della rispondenza alle Linee Guida AIAC e approverà formalmente l’iscrizione.

A cura di Maria Grazia Bongiorini

Ultimi articoli

Ablazione della fibrillazione atriale, prima è meglio

Un gruppo di ricerca belga ha analizzato i dati relativi a 1000 pazienti sottoposti ad ablazione della fibrillazione atriale per indagare gli outcome associati ai diversi intervalli di tempo tra diagnosi e procedura.

Leggi

Un sensore indossabile per la gestione della fibrillazione atriale

Uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology ha valutato l’accuratezza di Kardia Band, un cinturino compatibile con Apple Watch, nell’individuare episodi di fibrillazione atriale.

Leggi

Ablazioni transcatetere, lesioni più brevi e con potenza maggiore?

Un gruppo di ricerca dell’Harvard Medical School di Boston ha valutato – su modelli animali – l’efficacia e la sicurezza associate a procedure di ablazione a radiofrequenza caratterizzate da potenza elevata e durata ridotta (HP-SD).

Leggi