Registro Italiano Pacemaker e Defibrillatori

Chairman

Alessandro Proclemer
Azienda Ospedaliera Universitaria di Udine
e-mail: alessandro.proclemer@asuiud.sanita.fvg.it

Co-Chairman

Massimo Zecchin
Ospedali Riuniti di Trieste
e-mail: zecchin.massimo67@gmail.com

Presidenti Regionali

Giuseppe Boriani
Azienda Ospedaliera Universitaria di Modena
Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
e-mail: giuseppe.boriani@unimore.it

La storia

Il Registro Italiano Pacemaker (RIP) è stato fondato alla fine degli anni Settanta dal Professor Giorgio A. Feruglio, sotto l’egida dell’Associazione Italiana di Cardiostimolazione. L’attività del RIP è da allora operativa presso l’Ospedale S.M. della Misericordia di Udine.

Nel giugno 1997 è stato aggiornato un accordo operativo tra i coordinatori dell’AIC e del GIA (ora fusi nell’AIAC) e i responsabili del RIP e del neofondato Registro Italiano Defibrillatori. Come conseguenza di questo accordo, l’attività di entrambi i Registri è stata ufficializzata nell’ambito delle funzioni principali dell’AIAC.

Sempre dal giugno 1997 la sede istituzionale dei due Registri è situata presso la Fondazione IRCAB.

I numeri

Nell’anno 2010 al Registro Pacemaker hanno fattivamente collaborato 221 Centri dei circa 400 laboratori di elettrostimolazione italiani. I dati sono stati codificati seguendo la Tessera Europea del Portatore di Pacemaker. Il numero totale degli impianti di pacemaker registrati nel 2010 e stato di 28.051. In base ai dati forniti da Assobiomedica si stima che il Registro Italiano Pacemaker abbia incluso il 55% circa dell’attività impiantistica in Italia. Il maggior Centro ha effettuato 675 impianti; la media è stata pari a 127 impianti per Centro.

Per l’anno 2012, al Registro Defibrillatori hanno collaborato 425 Centri. Nel Nord Italia sono risultati attivi 183 Centri (43% del totale), in Centro Italia 93 (22%), in Sud Italia 149 (35%). Relativamente al numero di impianti effettuati per Centro, 97 Centri hanno impiantato da 1 a 10 ICD, 96 Centri hanno impiantato da 10 a 24 defi brillatori, 120 Centri da 25 a 50 e 112 Centri hanno impiantato oltre 50 ICD. Il numero totale degli impianti di defibrillatori nel 2010 e stato di 17.153, equivalente a 283 impianti per milione di abitanti. L’incremento del numero di impianti registrati rispetto al 2009 e stato pari al 14,7%. In base ai dati forniti da Assobiomedica si stima che il Registro Italiano Defibrillatori (RID) abbia incluso il 95% circa dell’attività impiantistica in Italia.

RIPRID

RIPRID è il Registro Italiano Pacemaker e Defibrillatori informatizzato dell’AIAC.

L’accesso al Registro è riservato ai Centri già registrati.

Elenco Centri registrati al Registro RIP&RID (aggiornato al 15 marzo 2016)

Per richiedere la partecipazione al Registro, compila il form online.

Ultimi articoli

I primi passi del defibrillatore automatico impiantabile

Questo mese leggiamo insieme lo storico articolo di Michel Mirowski sulle prime esperienze con il defibrillatore automatico impiantabile, pubblicato nel 1985 su Journal of the American College of Cardiology. Un articolo di Achille Giardina.

Leggi

Fibrillazione atriale parosisstica, CRT e rischio di scompenso

I pazienti che presentano episodi intermittenti di fibrillazione atriale potrebbero beneficiare da una terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT)? Lo studio su JACC: Clinical Electrophysiology.

Leggi

Può il CHA2DS2-VASc score predire le aritmie atriali?

Lo score è in grado di predire l’insorgenza di fibrillazione atriale di nuova diagnosi in una coorte di pazienti portatori di dispositivi cardiaci impiantabili? Lo studio di Rovaris e colleghi pubblicato su Heart Rhyrthm.

Leggi