AIAC HOME > Aggiornamento > Interviste e commenti > Stimolazione hissiana: indicazioni, limiti, opportunità

Stimolazione hissiana: indicazioni, limiti, opportunità

Pubblicato il 18 dicembre 2017

Zanon

Intervista a Francesco Zanon, responsabile del Servizio di Elettrofisiologia Interventistica e Cardiostimolazione dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Rovigo

“La popolazione elettrica passa attraverso il fascio di His, per cui stimolarlo è il modo più fisiologico per stimolare il cuore”, sostiene Francesco Zanon. Una strategia terapeutica, questa, che permette di superare alcuni dei limiti associati alla stimolazione dell’apice del ventricolo.

“È il tipo di stimolazione più fisiologico in assoluto: permette non di mettere un ponte per stimolare il cuore, ma di curare il disturbo di conduzione”. Esistono tuttavia delle difficoltà tecniche, associate soprattutto alle caratteristiche anatomiche del fascio di Hiss, le quali fanno aumentare i tempi procedurali. “Ma – sottolinea Zanon – attraverso un training non molto lungo questa procedura può essere fatta da qualsiasi elettrofisiologo che abbia esperienza con i cateteri e con i segnali”.

Attualmente, la stimolazione hissiana è indicata per qualsiasi disturbo di conduzione. “Addirittura – conclude Zanon – è indicata in pazienti con scompenso cardiaco come possibile alternativa alla terapia di resincronizzazione, in quanto abbiamo visto che possiamo restringere il QRS e avere un trattamento del tutto integrale del disturbo di conduzione”.


Sondaggi AIAC

Survey AIAC Survey AIAC

Strumenti

Associazioni di farmaci con i nuovi anticoagulanti orali

Iscriviti alla newsletter

Nome
Cognome

e-mail


Archivio articoli

Calendario

<< Gen 2018 >>
lmmgvsd
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4