Consenso informato

 

Sono qui disponibili i modelli di consenso informato prodotti dall’AIAC per fornire al paziente informazioni chiare e adeguate e per garantire ai medici la necessaria serenità nel fornire le cure. Inoltre, questi modelli hanno il valore di uniformare le procedure di consenso in tutti i Centri aritmologici italiani.

Sono due le peculiarità principali della versione definitiva dei documenti:

  1. la presenza di un allegato, specificamente preparato dal medico legale, che dovrebbe essere usato nel caso in cui il paziente da sottoporre a procedura sia minorenne o interdetto,
  2. la suddivisione del consenso in due parti distinte e separate, che corrispondono a due momenti diversi del processo di informazione del paziente.

Una prima parte è dedicata a ragguagliare il paziente in merito alla sua patologia, alla procedura proposta per affrontare tale condizione, non nascondendo i rischi connessi e quelli legati alla non effettuazione della procedura stessa; tale parte precede necessariamente, sia nell’ordine logico che nei modelli predisposti, quella in cui il paziente esprime il suo vero e proprio consenso a sottoporsi alla procedura.

La prima parte, quindi, deve essere assolutamente comprensibile, attuale, sufficientemente dettagliata e deve essere letta con ragionevole anticipo dal paziente, il quale, solo successivamente, potrà esprimere un consenso realmente libero ed “informato”, esente da ogni condizionamento e da ogni dubbio.

I moduli

Ultimi articoli

Corso per infermieri e tecnici, online il nuovo modulo

Online il nuovo modulo del Corso per infermieri e tecnici di cardiologia. Argomento: gli algoritmi di stimolazione utilizzati più di frequente nella pratica clinica.

Leggi

Ablazione della FA, attività delle vene polmonari non predice gli outcome

Uno studio pubblicato su Heart Rhythm ha indagato la relazione tra attività delle vene polmonari e il tasso di successo delle procedure di ablazione transcatetere in pazienti affetti da fibrillazione atriale persistente.

Leggi

Per una programmazione…RESPONSIBLE!

L’impatto della stimolazione rate responsive sulla capacità di esercizio di pazienti con FA permanente sottoposti ad ablazione nel nodo AV e con una frequenza ventricolare non controllata nonostante terapia medica.

Leggi