I premiati del Congresso Nazionale AIAC 2018

AIAC 2017 applausi

Premio Simone Reggiani – [Chi era Simone Reggiani]

Assegnato a Giuseppe Arena (Ospedale Apuane, Massa) per l’abstract intitolato “The VALID-CRT risk score reliably predicts outcome after cardiac resynchronization therapy in a real-world population”.

Giuseppe Arena (a sinistra) premiato da (da sinistra a destra) Sandro Gigli (Medstep srl), Antonio Sammali e Giuseppe Boriani.

Premio Andrea Puglisi [Chi era Andrea Puglisi]

Assegnato a Giulia De Zan (Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, Policlinico S.Orsola-Malpighi, Bologna) per l’elaborato intitolato “Cambio di paradigma: intercambiabilità del canale di sensing/pacing nei dispositivi cardiaci impiantabili per minimizzare il rischio di complicanze legate agli elettrocateteri”

Giulia De Zan (al centro) premiata da Renato Pietro Ricci (a sinistra) e da Giuseppe Boriani (a destra).

Premio “Le idee di Luigi Padeletti” [Chi era Luigi Padeletti]

Assegnato a Lina Marcantoni (Ospedale Santa Maria della Misericordia, Rovigo) per l’abstract intitolato “His pacing improves cardiac function on long term follow-up in low ejection fraction patients”.

Lina Marcantoni (a sinistra) premiata da Giuseppe Boriani (al centro) e da Margherita Padeletti (a destra).

 

Ultimi articoli

RI-AIAC: obiettivi, novità e implicazioni cliniche dei risultati dello studio

Pubblicati sul Journal of Personalized Medicine i risultati del RI-AIAC, registro multicentrico, prospettico osservazionale sulle infezioni dei CIED. Abbiamo chiesto al Professor Giuseppe Boriani, direttore di AIAC Ricerca, qual è l'importanza di questo registro promosso dall'AIAC e quali sono le implicazioni cliniche dei suoi risultati.

Leggi

Defibrillatore indossabile: evidenze, esperienze e nuove potenzialità d’uso

Terapia ormai consolidata negli Stati Uniti e in molti paesi Europei, il defibrillatore indossabile (WCD)…

Leggi

Rischio di morte non improvvisa nei pazienti portatori di ICD: sottoanalisi del registro OBSERVO-ICD

Pubblicati i risultati di un'analisi che ha valutato l’accuratezza e l’utilità dello score MAGGIC (Meta-Analysis Global Group in Chronic Heart Failure) nei pazienti con scompenso cardiaco e ridotta frazione di eiezione sottoposti ad impianto di ICD.

Leggi