Eventi

La genetica nella cardiomiopatia dilatativa – Meeting regionale AIAC Trentino Alto-Adige


Data/Ora: 4 Novembre 2022 / 15:30 - 19:30
Indirizzo: Piazza Dante 20 - 38122 Trento Provincia di Trento Trentino-Alto Adige Italia
Sede: Grand Hotel Trento


L’indagine genetica nei pazienti affetti da cardiomiopatia dilatativa dovrebbe essere considerata oggi di routine e non essere invece solo ad appannaggio di centri di ricerca.
La scoperta di mutazioni a carico di geni che codificano per diverse proteine cardiache, ha permesso una migliore interpretazione della fisiopatologia della cardiomiopatia dilatativa ed ha consentito una migliore stratificazione del rischio aritmico in molti casi.
Scopo di questo incontro è quello di approfondire la conoscenza della genetica della cardiomiopatia dilatativa con un esperto di fama internazionale che ha dedicato la sua vita professionale allo studio del codice genetico in ambito cardiovascolare.

Segreteria Scientifica
Direttivo Regionale AIAC Trentino Alto-Adige
Dr. M. Marini – Trento, Dr.ssa S. Quintarelli – Trento, Dr. P. Moggio – Rovereto, Dr. L. Bertagnolli – Bolzano, Dr. M. Erckert – Merano

Per le modalità di partecipazione: scarica il programma.

Ultimi articoli

Sincope vasovagale: il webinar

L'Area Radioablazione e Neuromodulazione di AIAC presenta il webinar "Sincope vasovagale" che si terrà online il 6 giugno 2024 dalle ore 16.00 alle ore 17.30. Scarica il programma con il link per il collegamento.

Leggi

Ricordo del prof. Giuseppe Oreto

Il ricordo del prof. Giuseppe Oreto a firma di Gaetano Satullo che ne ripercorre la cultura, la poliedricità e la genialità attraverso il racconto di una storia lunga 40 anni.

Leggi

I Convegno Nazionale AIAC Giovani – L’integrazione delle conoscenze di aritmologia clinica ed interventistica nel trattamento del paziente comorbido

Il 24 e 25 maggio 2024 si terrà a Napoli, presso l’Hotel NH Napoli Panorama il primo Convegno Nazionale AIAC Giovani, dal titolo “L’integrazione delle conoscenze di aritmologia clinica ed interventistica nel trattamento del paziente comorbido”.

Leggi