Eventi

Apnee notturne: un nuovo fattore di rischio cardiovascolare

Sto caricando la mappa ....

Data/Ora: 18 Ottobre 2018 / 16:45 - 19:30
Indirizzo: Via Mauro Gavazzeni, 21 - Bergamo Italia
Sede: Bergamo - Humanitas Gavazzeni


Programma – Scheda di adesione (PDF: 77 Kb)

Responsabile scientifico
Giosuè Mascioli
Responsabile U.O. Elettrofisiologia – Humanitas Gavazzeni, Bergamo

Razionale
Le apnee notturne sono un importante fattore di rischio per diverse patologie cardiovascolari, tra le quali la fibrillazione atriale e lo scompenso cardiaco sono quelle di più frequente riscontro. Benché non sia chiaro se esista un vero nesso causale tra queste patologie o se si tratti solo di un’associazione frequente, tuttavia l’argomento merita di essere conosciuto più a fondo anche dai cardiologi, perché fino a oggi è stato un aspetto piuttosto trascurato.

Una possibilità aggiuntiva nello studio di queste patologie viene dall’implementazione nella pratica clinica di dispositivi impiantabili in grado di monitorare quotidianamente l’incidenza di disturbi respiratori del sonno e di strumenti Holter in grado di registrare contemporaneamente la traccia elettrocardiografica e quella polisonnografica.

Crediti E.C.M
E’ stato richiesto l’accreditamento del corso al sistema ECM (Educazione Continua in Medicina) della Regione Lombardia. Evento gratuito e accreditato ECM (richiesti 4 crediti) per Medici di Medicina Generale e Medici Specialisti.

 

Ultimi articoli

L’AIAC su Il Sole 24 Ore

Scarica il redazionale dell'AIAC, dal titolo  “Accesso all’innovazione in aritmologia, nuove tecnologie e nuovi farmaci al servizio del paziente”, pubblicato su Il Sole 24 Ore – Scenari “Guida Salute“.

Leggi

Il processo decisionale nella gestione degli ICD nel fine vita

Uno studio degli aspetti relativi alla gestione degli ICD nelle fasi terminali delle malattie e degli eventuali fattori associati all'occorrere di un colloquio con il medico circa il fine vita.

Leggi

Disattivazione dei CIED nel fine vita: realtà o solo raccomandazioni?

La maggior parte dei CIED rimane attiva nelle fasi terminali della malattia e il 25% dei pazienti sperimenta uno shock nelle 24 ore prima del decesso.

Leggi