Eventi

Apnee notturne: un nuovo fattore di rischio cardiovascolare


Data/Ora: 18 Ottobre 2018 / 16:45 - 19:30
Indirizzo: Via Mauro Gavazzeni, 21 - Bergamo Italia
Sede: Bergamo - Humanitas Gavazzeni


Programma – Scheda di adesione (PDF: 77 Kb)

Responsabile scientifico
Giosuè Mascioli
Responsabile U.O. Elettrofisiologia – Humanitas Gavazzeni, Bergamo

Razionale
Le apnee notturne sono un importante fattore di rischio per diverse patologie cardiovascolari, tra le quali la fibrillazione atriale e lo scompenso cardiaco sono quelle di più frequente riscontro. Benché non sia chiaro se esista un vero nesso causale tra queste patologie o se si tratti solo di un’associazione frequente, tuttavia l’argomento merita di essere conosciuto più a fondo anche dai cardiologi, perché fino a oggi è stato un aspetto piuttosto trascurato.

Una possibilità aggiuntiva nello studio di queste patologie viene dall’implementazione nella pratica clinica di dispositivi impiantabili in grado di monitorare quotidianamente l’incidenza di disturbi respiratori del sonno e di strumenti Holter in grado di registrare contemporaneamente la traccia elettrocardiografica e quella polisonnografica.

Crediti E.C.M
E’ stato richiesto l’accreditamento del corso al sistema ECM (Educazione Continua in Medicina) della Regione Lombardia. Evento gratuito e accreditato ECM (richiesti 4 crediti) per Medici di Medicina Generale e Medici Specialisti.

 

Ultimi articoli

Dal 17° Congresso AIAC il commento di Antonio D’Onofrio

La prima giornata del 17° Congresso Nazionale dell’AIAC si è conclusa ieri. Abbiamo raccolto il commento a caldo di…

Leggi

L’AIAC saluta il Professor Attilio Maseri

Il 3 settembre ci ha lasciati il Professor Attilio Maseri, un gigante della cardiologia mondiale. Il saluto dell’AIAC e di tutta la comunità aritmologica italiana.

Leggi

Correlazione tra sede anatomica di impianto dell’elettrocatetere e parametri elettrici nella stimolazione hisiana

Sul Journal of Electrocardiology è stato recentemente pubblicato uno studio sulla correlazione tra sede anatomica di impianto dell’elettrocatetere per la stimolazione hisiana e differenze nei parametri elettrici ottenuti in acuto.

Leggi