Eventi

Apnee notturne: un nuovo fattore di rischio cardiovascolare


Data/Ora: 18 Ottobre 2018 / 16:45 - 19:30
Indirizzo: Via Mauro Gavazzeni, 21 - Bergamo Italia
Sede: Bergamo - Humanitas Gavazzeni


Programma – Scheda di adesione (PDF: 77 Kb)

Responsabile scientifico
Giosuè Mascioli
Responsabile U.O. Elettrofisiologia – Humanitas Gavazzeni, Bergamo

Razionale
Le apnee notturne sono un importante fattore di rischio per diverse patologie cardiovascolari, tra le quali la fibrillazione atriale e lo scompenso cardiaco sono quelle di più frequente riscontro. Benché non sia chiaro se esista un vero nesso causale tra queste patologie o se si tratti solo di un’associazione frequente, tuttavia l’argomento merita di essere conosciuto più a fondo anche dai cardiologi, perché fino a oggi è stato un aspetto piuttosto trascurato.

Una possibilità aggiuntiva nello studio di queste patologie viene dall’implementazione nella pratica clinica di dispositivi impiantabili in grado di monitorare quotidianamente l’incidenza di disturbi respiratori del sonno e di strumenti Holter in grado di registrare contemporaneamente la traccia elettrocardiografica e quella polisonnografica.

Crediti E.C.M
E’ stato richiesto l’accreditamento del corso al sistema ECM (Educazione Continua in Medicina) della Regione Lombardia. Evento gratuito e accreditato ECM (richiesti 4 crediti) per Medici di Medicina Generale e Medici Specialisti.

 

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi