Eventi

La terapia dello scompenso cardiaco – Sinergie tra terapia elettrica e farmacologica


Data/Ora: 15 Giugno 2019 / 8:15 - 17:00
Indirizzo: Viale della Valletta 180 - 15100 Spinetta Marengo Italia
Sede: Spinetta Marengo (AL) - Hotel Diamante Alessandria


Lo scompenso cardiaco è una condizione ad elevata prevalenza nella popolazione generale dei paesi industrializzati, con un forte impatto socio-sanitario. Si stima che ne siano affetti in forma cronica ad oggi in Italia circa 600.000 pazienti .La frequenza di questa patologia raddoppia ogni decade di età e dopo i 65 anni colpisce circa il 10% della popolazione. Lo scompenso nel nostro Paese occupa il primo posto fra i DRG ospedalieri, rappresentando il 2,4% del costo totale, vale a dire quasi 600 milioni di euro/anno, oltre il 2% del fondo sanitario nazionale. E’ anche la patologia che causa il maggior numero di giornate di ricovero, con una mediana di otto giorni a episodio. Il 4-7% dei pazienti che non sopravvivono all’evento acuto, circa il 25-28% dei pazienti muore entro 1 anno, il 50% entro 5 anni. Il costo medio di un’ ospedalizzazione (nella metà dei casi per motivi non cardiovascolari) è di circa 9.000 euro, mentre il costo/anno di un paziente che non si ricovera si riduce a 350/600 euro.

La prevenzione delle ospedalizzazioni quindi, insieme con quella della mortalità e del miglioramento funzionale e qualità di vita del paziente, rappresentano obiettivi primari della terapia evidence based, insieme a più alti livelli di aderenza alla terapia, cosa che favorisce il raggiungimento degli endpoints clinici. Rispetto alle indicazioni delle Linee Guida, l’ottimizzazione farmacologica nella pratica clinica è ancora subottimale, come mostrano i dati sia delle società scientifiche cardiologiche che internistiche. Oggi tra le strategie terapeutiche, è disponibile una nuova classe di farmaci,detta ARNI ovvero inibitore del recettore dell’angiotensina e della neprilisina. Questa nuova associazione è da un lato di agire sulle cause della malattia, dall’altro dall’altro di potenziare i sistemi neuro ormonali capaci di proteggere il cuore. L’obiettivo di questo corso è quello di analizzare il ruolo del trattamento con Sacubitril/Valsartan nel paziente con scompenso cardiaco e ridotta frazione di eiezione (< 40%) e di valutare le sinergie fra trattamento farmacologico e trattamento elettrico (CRT-P, CRT-D, ICD e procedure ablative) nel paziente con scompenso cardiaco; il corso si propone inoltre di approfondire le modalità di implementazione delle nuove linee guida ESC e l’algoritmo decisionale del paziente con scompenso cardiaco e frazione di eiezione ridotta che resta sintomatico nonostante terapia farmacologica (beta bloccante + ACE inibitore o ARB) ed elettrica ottimale.

Programma (PDF: 6,1 Mb)

Ultimi articoli

Un solo cardiopalmo per tre diverse aritmie

Il caso di una paziente di 70 anni, ipertesa e diabetica, che giunge in Pronto Soccorso per sensazione di cardiopalmo insorto da circa 12 ore.

Leggi

Diagnosticare la fibrillazione atriale con uno smart device, è possibile?

Uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology ha valutato la possibilità di di fare screening di FA tramite sensori PPG presenti sugli smart watch.

Leggi

L’AIAC su Il Sole 24 Ore

Scarica il redazionale dell'AIAC, dal titolo  “Accesso all’innovazione in aritmologia, nuove tecnologie e nuovi farmaci al servizio del paziente”, pubblicato su Il Sole 24 Ore – Scenari “Guida Salute“.

Leggi