Eventi

MultiCare – Second Edition


Data/Ora: 25 Ottobre 2019 - 26 Ottobre 2019 / 9:00 - 19:00
Indirizzo: Via Milanese 3 - Sesto San Giovanni Italia
Sede: Sesto San Giovanni (MI) - Grand Hotel Villa Torretta


La prima edizione di MultiCare ha confermato il successo di un format educazionale che ha rappresentato per noi una sfida verso il già collaudato schema congressuale. Mettere a confronto l’interventista cardiovascolare in ambito elettrofisiologico e il cardiologico clinico relativamente alle scelte diagnostico/terapeutiche ha rappresentato un modello efficace. A tale proposito si ritiene doveroso proseguire su questa strada che consente di seguire in maniera critica gli aggiornamenti tecnologici verificando sia la loro efficacia che la loro sicurezza per la cura e la “guarigione” dei nostri pazienti.
I temi che verranno trattati in questa edizione non varieranno molto nei contenuto rispetto all’edizione precedente, ma lo scopo insito nel format è proprio quello di verificarne gli sviluppi. L’interesse suscitato dalla prima edizione attraverso l’esperimento del televoter, ci ha suggerito di approfondire in questa edizione l’appropriatezza di una terapia elettrica quale la CCM nella patologia dello scompenso cardiaco e di sviscerare con maggiore attenzione le tematiche relative a questo “sconosciuto” scompenso diastolico.

Responsabile scientifico
Antonio Sagone

Programma (PDF: 242 Kb)

Ultimi articoli

Due anni di AIAC: il biennio 2018 – 2020

Un video per ripercorrere i momenti più significativi e sintetizza le iniziative più importanti portate avanti dall’Associazione negli ultimi due anni.

Leggi

COVID-19 e monitoraggio remoto: lacrime di coccodrillo o nuova opportunità?

Una lettera all’editore pubblicata sulla rivista Expert Review of Medical Devices ha affrontato il tema del monitoraggio remoto dopo la pandemia.

Leggi

Monitoraggio remoto della FA nei pazienti con scompenso portatori di device: lo studio REM-HF

Un'analisi dei risultati del più grande studio randomizzato sul ruolo del monitoraggio remoto nei pazienti con insufficienza cardiaca.

Leggi