Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Eventi

Morte Cardiaca Improvvisa 2.0 – Dalla genetica al territorio

Sto caricando la mappa ....

Data/Ora: 23 Giugno 2017 / 14:00 - 18:45
Indirizzo: via Anguissola 15 - 29121 Piacenza Emilia-Romagna Italia Italia
Sede: Azienda Usl di Piacenza


“Dal punto di vista terapeutico l’utilizzo di defibrillatori impiantabili ha permesso un notevole miglioramento della sopravvivenza dei pazienti ad elevato rischio aritmico. Tuttavia ad oggi è in fase di forte sviluppo e diffusione la tecnologia dei defibrillatori automatici esterni e dei defibrillatori indossabili; tali strategie hanno la potenzialità di proteggere una quantità molto più ampia di pazienti a rischio di morte improvvisa.

L’organizzazione di questo congresso risponde alla domanda di definizione dei fattori di rischio di morte cardiaca improvvisa dal punto di vista clinico, anatomico e genetico. Si propone inoltre di analizzare le strategie a nostra disposizione per il miglior trattamento dei pazienti con elevato rischio aritmico e per la popolazione generale”.

Dr.ssa Daniela Aschieri
Presidente Ass. Progetto Vita Onlus

MODALITÀ DI ISCRIZIONE: L’iscrizione è gratuita fino all’esaurimento dei posti disponibili e previa registrazione on-line collegandosi al sito www.noemacongressi.it

CREDITI ECM: Il Convegno è stato accreditato presso il Ministero della Salute Provider: Noema srl Unipersonale. Codice Provider: 891. Codice evento: 194567. Numero dei crediti: 4.

Scarica il programma dell’evento.

Ultimi articoli

L’AIAC su Il Sole 24 Ore

Scarica il redazionale dell'AIAC, dal titolo  “Accesso all’innovazione in aritmologia, nuove tecnologie e nuovi farmaci al servizio del paziente”, pubblicato su Il Sole 24 Ore – Scenari “Guida Salute“.

Leggi

Il processo decisionale nella gestione degli ICD nel fine vita

Uno studio degli aspetti relativi alla gestione degli ICD nelle fasi terminali delle malattie e degli eventuali fattori associati all'occorrere di un colloquio con il medico circa il fine vita.

Leggi

Disattivazione dei CIED nel fine vita: realtà o solo raccomandazioni?

La maggior parte dei CIED rimane attiva nelle fasi terminali della malattia e il 25% dei pazienti sperimenta uno shock nelle 24 ore prima del decesso.

Leggi